Lorenzoni: «Io vicesindaco anche in caso di candidatura alle regionali? Ne parlerò con Giordani»

Il vicesindaco di Padova affronta nuovamente la questione-candidatura, e riguardo all'ok del segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti replica scherzando: «Abbiamo la stessa capigliatura, sapevo che lui avrebbe appoggiato la cosa»

Arturo Lorenzoni

«Abbiamo la stessa capigliatura, sapevo che lui avrebbe appoggiato la cosa». Scherza Arturo Lorenzoni, ma è inevitabile che la notizia gli faccia enormemente piacere: Nicola Zingaretti, segretario nazionale del Partito Democratico, ha dato l'ok per la candidatura del vicesindaco di Padova ad avversario di Luca Zaia per le elezioni regionali, in programma a maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lorenzoni

Il diretto interessato, ovvero Arturo Lorenzoni, ancora non si sbilancia del tutto: «Sabato 15 febbraio a Vicenza si conclude questa prima fase del percorso civico, immagino con la decisione del mondo civico di essere presente alle elezioni regionali. Poi si tratterà di attivare tutta la fase successiva di discussione con le varie forze politiche, perché io credo che si possa proporre un'alternativa vera al governo della Regione coagulando tutti questi mondi pieni di creatività e idee che se riescono a stare insieme possono essere davvero un'alternativa al governo un po' statico del Veneto negli ultimi vent'anni». A chi gli chiede poi - per provare a "stanarlo" - se continuerà a fare il vicesindaco anche in caso di candidatura risponde: «Di questo ne parlerò con il sindaco a tempo debito, non è questo il momento per farlo». Domanda finale: il modello-Padova è esportabile anche in Regione? «Sono convinto di sì, i riscontri che sto ricevendo in questi giorni anche fuori da Padova e dal Veneto sulla possibilità di disegnare un percorso unito tra le varie forze democratiche sono veramente incoraggianti e mi fa capire che si guarda con interesse a questa capacità di stare insieme e progettare insieme e di enfatizzare le cose che uniscono e non quelle che dividono, come purtroppo la politica passata ha spesso fatto. Io credo che ci siano dei margini per delle proposte di qualità». Non lo ammetterà mai, ma parla già da candidato...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento