Emergenza cinghiali, De Poli accoglie sos degli agricoltori

«Bisogna modificare la legge nazionale 157/1992 e trovare una soluzione strutturale, allo stesso tempo, è indispensabile che il Governo preveda un Fondo nazionale di ristoro a beneficio di coloro che subiscono danni»

«Oggi in piazza Montecitorio  la protesta promossa da Coldiretti con migliaia di agricoltori allevatori e pastori. Per il Veneto e in modo particolare per l'area dei Colli Euganei è una questione centrale. Al Governo chiediamo di non lasciare da sole le Regioni nel contrasto a un fenomeno che è preoccupante perché colpisce un settore vitale per l'economia nazionale e regionale». Si è espresso così il senatore Udc, Antonio De Poli, che ha poi aggiunto: «L'SOS cinghiali non può rimanere inascoltato. Bisogna modificare la legge nazionale 157/1992 e trovare una soluzione strutturale al problema ma, allo stesso tempo, è indispensabile che il Governo preveda un Fondo nazionale di ristoro a beneficio di coloro che subiscono danni diretti e indiretti dai predatori selvatici».  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutto quello che c'è da sapere sul coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • I familiari non riescono a contattarla: 55enne rinvenuta cadavere in casa

  • Boschi in fiamme sui Colli: i focolai rischiarano la notte. Pompieri al lavoro senza sosta

  • Buoni spesa, nel pomeriggio inizia la consegna a casa a chi ne ha diritto

  • Grigliata, musica e festa nonostante i divieti: intervengono le forze dell'ordine in via Trieste

  • 60enne padovano attraversa l'Italia in camion nonostante la positività al Coronavirus

Torna su
PadovaOggi è in caricamento