Emergenza Covid: a Pozzonovo l'amministrazione vara una manovra straordinaria da 90mila euro

«Mettiamo perciò 25mila euro per interventi a favore dell’infanzia e famiglie; 25mila euro per disabili, anziani e soggetti a rischio esclusione sociale»

«In mancanza di reali e puntuali aiuti dallo Stato, lunedì approviamo una manovra economica di 90mila euro iniziali per sostenere le famiglie, l’infanzia, gli anziani, i soggetti a rischio di esclusione sociale, e a supporto delle attività del paese. Vogliamo ripartire tutti, e tutti assieme, senza che nessuno resti indietro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stanziamento

Il sindaco Arianna Lazzarini annuncia stanziamenti per 90mila euro che in diverse misure affrontano la fase 2 dell’emergenza. «Mettiamo perciò 25mila euro per interventi a favore dell’infanzia e famiglie; 25mila euro per disabili, anziani e soggetti a rischio esclusione sociale; 25mila per interventi sul patrimonio e per l’ambiente; 10mila euro per garantire la sicurezza nei locali comunali; 5.000 euro per iniziative a supporto della rete commerciale comunale. Questo con fondi nostri, visto che dallo Stato il sostegno a chi si è fermato col lavoro o alle famiglie tarda ad arrivare, o risale a mesi fa». L’amministrazione comunale sta provvedendo all’erogare dei buoni spesa per un totale di euro 20.125 con risorse della Protezione civile nazionale, tenendo conto degli indicatori Isee e delle nuove condizioni di povertà generate dalla pandemia Covid-19; sono inoltre già stati stanziati ed utilizzati, per questa prima fase, 4.370 euro destinati alla sanificazione degli ambienti pubblici. «E’ un primo inizio – specifica il sindaco – a cui daremo seguito con altri atti specifici, tra cui l’alleggerimento delle rette di asilo e materna, l'attivazione di servizi ricreativi, o contributi per il saldo delle bollette a famiglie in difficoltà, ed altro in base alle situazioni emergenziali che si presenteranno di qui ai prossimi mesi. Nessuno verrà lasciato solo, e i nostri uffici – oltre a me personalmente – sono sempre a disposizione per raccogliere istanze di chi per dignità non chiede, ma affronta situazioni di difficoltà oggettiva».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento