Ex Seminario, la proposta di Selvazzano Civica: «Il cemento non è la soluzione, priorità al verde»

Vincenzo Vozza candidato sindaco, ha presentato la proposta all'incontro-dibattito che si è tenuto per presentare la proposta stessa, con la partecipazione di Alice Brombin candidata alle Europee con Europa Verde, e di Piero Ruzzante, consigliere regionale per Leu

Si sono ritrovati, nonostante la pioggia, nel'area dell'ex seminario, per lanciare una proposta per recuperarlo dall'abbandono e dal cemento: Vincenzo Vozza candidato sindaco, ha presentato la proposta all'incontro-dibattito che si è tenuto per presentare la proposta stessa, con la partecipazione di Alice Brombin candidata alle Europee con Europa Verde, e di Piero Ruzzante, consigliere regionale per Leu.

Idee

«Le varie idee che si sono susseguite negli anni per l’area dell’ex seminario - spiegano - hanno tutte un denominatore comune: cementificare. Progetti speculativi appoggiati dalle forze politiche tutte, che a turno hanno governato Selvazzano negli ultimi vent’anni. Come se l’unica possibilità per quell’area, in buona parte ancora verde, dovesse essere inevitabilmente altro cemento, senza riguardo per l’impatto su traffico, servizi, salute, vivibilità. Noi di Selvazzano Civica vogliamo rompere con questa logica e pensare ad un futuro diverso per l’area dell’ex seminario. Vogliamo uno sviluppo sostenibile, che porti innanzitutto benessere per il territorio e per chi lo vive tutti i giorni».

Grandi Opere

«In un’epoca - sottolineano  - in cui si parla di “grandi opere” senza valutarne con responsabilità le reali necessità e l’impatto, ecco la nostra grande opera: il Grande parco del Bacchiglione, per consegnare alle cittadine ed ai cittadini un luogo di straordinario valore ambientale e aggregativo. La priorità sarà lo spazio verde, un grande parco dove le famiglie e i giovani possano ritrovarsi a praticare attività sportive e ricreative. Un’area restituita alla collettività, alla natura e alle persone, dedicata all’ambiente e al benessere delle persone. Intendiamo coinvolgere gli attori interessati per arrivare all’acquisizione dell’area da parte del comune di Selvazzano Dentro. E soprattutto siamo fortemente determinati a coinvolgere la cittadinanza per la costruzione dal basso di uno straordinario progetto ecologico».

Paradigma

«Vogliamo uscire - concludono - dagli anni in cui ha imperversato un’idea di progresso e di sviluppo distruttiva, contraddistinta dallo sterile motto “solo cantieri”. Vogliamo cambiare questo paradigma, compiendo il primo passo per un futuro migliore».

1905_foto01-2-2

Potrebbe interessarti

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

  • Tre concorsi pubblici per 100 nuove assunzioni: ecco come iscriversi

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Pfas, prosegue il piano di screening: quasi 52.000 persone invitate e più di 31.000 visitate

I più letti della settimana

  • Impatto fatale sul guardrail tra i monti del Trentino: muore motociclista 33enne di Rubano

  • Si schiantano su un campo dopo lo scontro in autostrada: sei feriti di cui due gravi

  • Frontale tra due auto, una finisce nel fosso. Due feriti, donna elitrasportata

  • Schianto in superstrada: tre feriti, uno è grave. Sversamento di gasolio sulla carreggiata

  • Pompa l'acqua per annaffiare il prato, donna muore folgorata nel giardino di casa

  • Falciata da un'auto, si trascina a casa col bacino rotto: caccia al pirata della strada

Torna su
PadovaOggi è in caricamento