Il Veneto torna a respirare: la Giunta regionale sblocca oltre 73 milioni di euro

Si tratta di risorse finora vincolate dalle norme di bilancio statali e che verranno utilizzate entro fine 2018. Forcolin: “Un’ulteriore boccata d’ossigeno al tessuto socio-economico della nostra regione”

In principio furono circa 32 milioni di euro. Ora sono ancor di più: la Giunta regionale ha difatti provveduto a reiscrivere nel bilancio 2018 risorse per un importo complessivo di oltre 73 milioni di euro di quota di avanzo di amministrazione, finora non utilizzate a causa dei vincoli imposti dalle norme di bilancio statali.

La distribuzione

Per la precisione l'ammontare è di 73.194.152,33 milioni di euro, che verranno riutilizzati in numerosi campi e in tutto il Veneto: nell’ambito della manovra circa 25 milioni sono stati destinati ad interventi nell’ambito della Legge Speciale e del ripristino ambientale della laguna di Venezia, 16 milioni all’area sanitaria, 11 milioni a difesa del suolo, ambiente e protezione civile, 11 milioni ad infrastrutture e trasporti, 5 milioni al sociale, 1,3 milioni all’agroalimentare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Risorse pagate entro fine anno”

Gianluca Forcolin, vicepresidente e assessore al bilancio, spiega: “Tecnicamente si tratta di un provvedimento che dispone una variazione al bilancio di previsione e al Documento Tecnico di Accompagnamento al bilancio di previsione e consente perciò l’utilizzo della quota accantonata e vincolata del risultato di amministrazione. L’iscrizione di queste risorse fa riferimento alla normativa contabile (all’art. 42 del D.Lgs. 118/2011 in materia di armonizzazione contabile) che distingue il risultato di amministrazione in fondi liberi, fondi accantonati, fondi destinati agli investimenti e fondi vincolati”. Aggiunge Forcolin: “È un’ulteriore boccata d’ossigeno al tessuto socio-economico della nostra regione. Le risorse messe a disposizione dovranno essere infatti impegnate e pagate ai diretti interessati entro la fine dell’anno. La Regione del Veneto continua così a snocciolare numeri importanti, nonostante i tagli ed i vincoli di bilancio imposti dal governo centrale. In attesa della sospirata autonomia il Veneto, come sempre, si rimbocca le maniche e ottimizza ogni spazio di manovra possibile per aiutare cittadini ed imprese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento