Fiom, presidio dei lavoratori di fronte allo stabilimento Engineering

Attuato per sostenere la richiesta del coordinamento nazionale di riaprire subito il tavolo per le trattative tra lavoratori e azienda

Presidio all'esterno della Engineering, realizzato per sostenere la richiesta del  coordinamento nazionale di riaprire subito il tavolo per le trattative tra lavoratori e azienda. II presidio è durato fino 10:30, davanti alla sede di Engineering in Corso Stati Uniti, 23/c.

Presidi

I lavoratori delle varie sedi di Engineering distribuite su tutto il territorio nazionale in accordo con le segreterie nazionali e territoriali di Fiom, Fim e Uilm e con il coordinamento nazionale delle RSU di Engineering stanno proclamando scioperi e mobilitazioni per chiedere la riapertura del negoziato per la definizione del nuovo contratto integrativo.

8 ore di sciopero

La decisione di distribuire 8 ore di sciopero in 4 pacchetti da due ore ciascuno durante le prime ore di martedì 4 e 18 dicembre 2018 e di martedì 15 e 29 gennaio 2019 è stata presa al termine di un incontro in cui, a fronte del persistere della chiusura dell'Azienda in merito alla trattativa sul rinnovo del contratto integrativo,   il Coordinamento nazionale delle RSU del Gruppo Engineering e le organizzazioni sindacali nazionali e territoriali  si sono riunite a fine novembre hanno valutato insieme e in maniera approfondita lo stato della vertenza dopo le iniziative di mobilitazione realizzate nelle scorse settimane. 

Gruppo Engineering

Il Gruppo Engineering realizza importanti risultati economici: più di un miliardo di euro di fatturato ed è incredibile che l’Azienda non arrivi neppure a riflettere sui risultati del sondaggio dalla stessa commissionata sul clima aziendale: oltre il 53% dei dipendenti che hanno risposto ritiene di avere uno stipendio inadeguato, oltre il 61% ritiene non ci sia equità nell’erogazione dei premi e dei benefit. 

Integrativo

«L'integrativo si può e si deve realizzare perché c’è la liquidità necessaria per farlo e perché il clima aziendale lo richiede. I lavoratori devono essere messi in condizione di poter lavorare con serenità e con stipendi coerenti al loro impegno», dichiara Fabio Pozzerle, della segreteria provinciale della Fiom Padova alla fine del presidio.

fiom presidio-2-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Operazione "Bitcoin", incastrato il basista trevigiano di Lovato. Era il tramite coi fornitori

  • Politica

    Riforestazione urbana, con "wownature" ora si possono comprare e regalare alberi

  • Politica

    Un percorso partecipato per l'ex Prandina

  • Cronaca

    Voices of Family, il gospel sul Liston

I più letti della settimana

  • Studente 17enne muore sotto ai ferri: la tragedia dopo l'operazione tanto attesa

  • Tragedia nella notte: muore a 22 anni dopo essere finito con l'automobile nel fosso

  • Meteo, arriva la conferma: dichiarato lo stato di attenzione per neve e gelate

  • Tremenda carambola, ferite madre e figlia: la piccola di pochi mesi è in gravi condizioni

  • Aldi arriva a Monselice: apre sotto le mura nuovo punto vendita in provincia di Padova

  • Meteo, forse questa volta ci siamo: nevicate in arrivo anche a Padova e provincia?

Torna su
PadovaOggi è in caricamento