«Siamo tutti con te»: la solidarietà di Luca Zaia all'assessore Bottacin

Il Governatore dimostra la sua vicinanza all'assessore regionale: «So che non ti fai intimidire e che continuerai a svolgere la tua preziosa attività per fare del Veneto una terra sempre migliore»

«Esprimo la più forte e calorosa solidarietà all’amico e collega Gianpaolo: so che non ti fai intimidire e che continuerai a svolgere la tua preziosa attività per fare del Veneto una terra sempre migliore. Io, l’intera Giunta e tantissimi veneti siamo con te». Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, si rivolge al collega Gianpaolo Bottacin, fatto oggetto di minacce per l’azione svolta in veste di assessore all’ambiente.

La solidarietà di Luca Zaia

Prosegue Zaia: «Qualunque sia il livello e l’entità della minaccia, sappia costui o sappiano costoro che una Regione come la nostra, che vanta vari primati nella difesa dell’ambiente e la cui popolazione si distingue da sempre per i suoi comportamenti virtuosi, non abbasserà mai la guardia contro chi tenta di esportare da noi una nuova terra dei fuochi. Non glielo lasceremo fare».

Potrebbe interessarti

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Fine mese all'insegna dei cantieri: strade chiuse fino a due mesi tra il centro e i quartieri

I più letti della settimana

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tenta il suicidio nel Bacchiglione: trascinata a riva da un passante, è gravissima

  • Si schiantano con l'auto contro un platano: passeggera elitrasportata in ospedale, è grave

  • Pauroso schianto tra due auto, feriti i conducenti. Interviene l'elisoccorso, strada chiusa

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

  • Litigio tra pazienti allo studio medico: costole rotte e denunce per due pensionati

Torna su
PadovaOggi è in caricamento