Montegrotto Terme: al via lo studio per ridisegnare completamente il piano urbano del traffico

A dicembre sono state installate cinque stazioni radar che per una settimana hanno monitorato i flussi in entrata e in uscita di auto, moto e camion

Una veduta di Montegrotto Terme

Il vicesindaco di Montegrotto Terme, Luca Fanton, annuncia l’inizio dei lavori per un nuovo Piano Urbano del Traffico destinato a rivoluzionare la mobilità sampietrina. L’incarico è stato affidato a un esperto del settore, l’architetto Luca Pasquali, ed è partita la prima fase delle rilevazioni di analisi del traffico:«La mobilità di Montegrotto Terme è ferma a vent’anni fa, nel frattempo sono stati costruiti due sottopassi e una bretella, sono cambiati i flussi, ma la circolazione è rimasta uguale. Molto oltre i singoli interventi correttivi, è necessario un ripensamento complessivo del traffico. Per questo l’amministrazione comunale ha affidato a un professionista un incarico per la redazione di un nuovo Piano Urbano del Traffico, uno strumento che avrà l’obiettivo di migliorare le condizioni della circolazione e della sicurezza stradale, del traffico veicolare e ciclopedonale (che devono avere pari dignità), la riduzione dell’inquinamento acustico e atmosferico e il contenimento dei consumi di energia, nel rispetto dei valori ambientali».

Mobilità

A dicembre sono state  installate cinque stazioni radar che per una settimana hanno monitorato i flussi in entrata e in uscita di auto, moto e  camion. «Un’occasione  - spiega Fanton - di capire quanto traffico rumoroso dei camion passa nella nostra città e come deviarlo ai margini». Lunedì 14 gennaio dalle 7.30 alle 9 e dalle 17.30 alle 19 verranno fatti i conteggi manuali su sette incroci. Nelle restanti ore della giornata verranno fatte analisi della sosta, segnaletica, barriere architettoniche, attrattori di traffico e altro. Martedì 15 invece con una pattuglia della polizia urbana verranno fatte interviste dei flussi pendolari e di attraversamento agli automobilisti dalle 8 alle 9.30. Praticamente il vigile fermerà un auto ogni 8 e si faranno le seguenti domande: da dove viene, dov’è diretto, il motivo dello spostamento.  L’analisi del traffico  e della sosta (offerta e domanda) sarà conclusa per metà febbraio. 

Spazio pubblico

«Elevare la qualità dello spazio pubblico -afferma il sindaco Riccardo Mortandello - aumenta il benessere di chi vive quotidianamente la città, e aumenta le possibilità del territorio di essere competitivo all’interno di un mercato ampiamente globale nel settore dei servizi turistici e termali». Una volta finita analisi verranno programmati alcuni incontri con cittadini, categorie economiche e associazioni per raccogliere suggerimenti e criticità dei quali verrà tenuto conto in fase di redazione del progetto che dovrà poi essere approvato dalla Giunta comunale. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento