Montegrotto Terme: individuata la soluzione per eliminare il passaggio a livello di via Catajo

“Montegrotto - spiega il vicesindaco Luca Fanton - ha ricevuto 500 mila euro per eliminare il passaggio a livello e abbiamo l’obbligo di farlo al più presto. Inseriremo questa soluzione nel nuovo piano urbano della mobilità allo studio in questi giorni in modo che tutti gli interventi in atto nel nostro territorio siano volti a un disegno coordinato e funzionale negli anni”

«Montegrotto Terme - spiega il vicesindaco Luca Fanton - ha ricevuto 500 mila euro per eliminare il passaggio a livello e abbiamo l’obbligo di farlo al più presto. Inseriremo questa soluzione nel nuovo piano urbano della mobilità allo studio in questi giorni in modo che tutti gli interventi in atto nel nostro territorio siano volti a un disegno coordinato e funzionale negli anni».  

Soluzione

È stata individuata una soluzione per l’annoso problema dell’eliminazione del passaggio a livello “Catajo” sulla linea ferroviaria Padova-Bologna. “Dal 2004, quando le Ferrovie hanno dato al comune di Montegrotto  Terme 500 mila euro per provvedere all’eliminazione del passaggio a livello a oggi - spiega il sindaco Riccardo Mortandello  - se ne sono viste di tutti i colori con il risultato che a distanza di 15 anni ancora tutto è fermo. Ora, dopo 2 anni e mezzo di lavoro di questa amministrazione, è stata individuata una soluzione, gradita a RFI e concertata con il comune di Battaglia Terme, con Etra e con la Provincia di Padova che consente di ottenere due benefici: la congiunzione anello ciclabile dei Colli Euganei (oggi interrotto dalla linea ferroviaria) e la possibilità per i mezzi di Etra di raggiungere il depuratore direttamente dalla tangenziale”.

Bretella

La soluzione individuata consiste per i mezzi motorizzati in una bretella che collegherà la tangenziale con via Catajo lato Battaglia correndo parallelamente ai due scoli consorziali. Per quanto riguarda il traffico ciclopedonale invece si cercherà una via amministrativa che consenta di utilizzare il sottopassaggio già costruito da RFI (che una sentenza del Consiglio di Stato ha assegnato in uso esclusivo ai proprietari del fondo ai quali era stato espropriato il terreno) o in alternativa si valuterà la costruzione di un nuovo sottopasso.

Comune

«L’amministrazione comunale di Montegrotto Terme - prosegue il sindaco Mortandello - oltre al coinvolgimento dei vari enti, ha in previsione anche un confronto con il proprietario del castello del Catajo e con tutti i cittadini interessati per presentare la soluzione ipotizzata e richiesta dalle ferrovie da 15 anni». La questione va avanti dal 2004 con una querelle giudiziaria che ha contrapposto il Comune di Montegrotto Terme a un privato al quale era stato espropriato il terreno con il sottopassaggio che ha poi vinto la causa contro il Comune. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento