Montegrotto Terme: stanziati 115 mila euro per potenziare la video sorveglianza

«Pur partendo dal presupposto  - spiega il sindaco Riccardo Mortandello - che siamo un’isola felice, con calo costante di reati confermato da Prefettura, abbiamo deciso di investire ulteriormente su nuove tecnologie legate alla video sorveglianza»

Un nuovo progetto complessivo per fare di Montegrotto Terme un comune all’avanguardia nel campo della videosorveglianza con telecamere a 360 gradi in alcuni nodi della città, telecamere fisse in altri luoghi particolarmente sensibili, varchi che fotografano le targhe di tutte le auto in transito e le inviano alla Polizia locale e un ponte radio in grado di trasmettere i dati, appena sarà attivo il sistema provinciale, anche alla Questura e alla Prefettura. È quanto approvato dalla Giunta comunale che ha stanziato 115 mila euro.

Isola felice

«Pur partendo dal presupposto  - spiega il sindaco Riccardo Mortandello - che siamo un’isola felice, con calo costante di reati confermato da Prefettura, abbiamo deciso di investire ulteriormente su nuove tecnologie legate alla videosorveglianza che superano quelle del passato, tuttora operanti nel nostro territorio, e creano rete con tutte le videosorveglianze degli altri Comuni, della Questura e della Prefettura. Serve un’evoluzione nel concetto di sicurezza che deve essere sempre più integrata in modo da creare ostacolo alla criminalità e aumentare la percezione di sicurezza. Spesso la sicurezza esiste, ma è poco percepita».

360 gradi

Il progetto, aggiuntivo e parallelo alla rete di videosorveglianza già esistente, prevede di estendere la copertura  con telecamere a 360 gradi nel parcheggio antistante gli impianti sportivi di via del Santo e in piazza della Libertà a Turri e con telecamere fisse presso il palazzetto dello Sport di via Lachina (dove ci saranno due telecamere e le ricetrasmittenti in grado di funzionare da ponte radio per tutte le telecamere). Saranno inoltre installati alcuni varchi per la lettura delle targhe all’incrocio tra via Caposeda e via Circonvallazione Ovest, all’incrocio tra via Catajo e Circonvallazione Ovest, e all’incrocio tra via Vivaldi e via Roma.

Progetto

Nel progetto sono previste anche l’installazione di telecamere a 360 gradi in via Papa Giovanni presso il parcheggio del cimitero comunale, in via Oriana Fallaci a Turri, il parcheggio Busitalia in via dell’Artigianato, il parcheggio di fronte all’ufficio tecnico del Comune in piazza Roma e con telecamera fissa sulla rotatoria in corrispondenza dei due incroci tra le vie Caposeda -corso delle Terme - via Roma, e un ulteriore varco per le targhe all’incrocio tra corso delle Terme e via Vivaldi/Fasolo. Verranno installate non appena saranno reperite le risorse finanziarie necessarie.

Telecamere

«È volontà dell’amministrazione - spiega il vicesindaco Luca Fanton  - portare a termine il progetto. Servono altri 60 mila euro per il completamento, e altri 45 mila euro per rimodernare telecamere già in funzione. Confidiamo di poter avere entro la fine del mandato le risorse per concludere questo importante progetto di controllo del territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centrato in pieno da un'auto mentre attraversa a piedi l'autostrada: morte sulla A4

  • Prende a calci un bancomat, palpeggia una donna, si masturba dal panettiere: denunciato

  • Tragedia in autostrada, donna muore nell'auto stritolata da due camion

  • "Situazione meteo in peggioramento, allerta arancione per Bacchiglione e Brenta”: l’aggiornamento

  • Tenta il suicidio con i gas di scarico dell'auto, salvato da un passante

  • Fuoco ed esplosione in un'autorimessa: un quarantenne gravemente ferito, tangenziali bloccate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento