Cinque padovani al congresso nazionale del Movimento cristiano lavoratori

Presenti anche il presidente del consiglio Conte e dell'europarlamento Tajani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Riceviamo e pubblichiamo: 

"Erano presenti cinque padovani al congresso nazionale del Movimento Cristiano Lavoratori dal titolo "Forti della nostra identità, attraverso il lavoro, costruttori di speranza in Italia e in Europa” che si è svolto lo scorso weekend all’Ergife Palace Hotel di Roma.

Giovanni Brasioli, Carlina Valle, Enrico Ravagnan, Anna Alfonsi e Marco Valle hanno partecipato, da protagonisti, ad un evento che ha voluto mettere al centro della sua riflessione il diritto al lavoro, lo sviluppo economico e infrastrutturale, le prossime sfide dell’Europa e l’impegno a favore del popolarismo europeo.

Molte le autorità intervenute davanti alle telecamere di Rai e Mediaset: fra tutte spiccano il presidente del consiglio Giuseppe Conte che ha rivendicato «l’azione profondamente riformatrice di questo governo» ed il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani che ha sottolineato la necessità di «rivalutare i valori fondanti della persona umana all’interno di un’Unione Europea bisognosa di rinnovamento».

Fra i presenti anche l’arcivescovo Filippo Santoro ed i vertici delle più importanti organizzazioni cattoliche del paese, dalle Acli al Forum delle Famiglie, da Comunione e Liberazione a Rinnovamento nello Spirito.

L’evento si è rivelato propizio per sondare la crescita di MCL, movimento sorto nel 1972 con l’intento di promuovere l'affermazione dei principi cristiani nella vita, nella cultura, negli ordinamenti e nella legislazione. Tra gli interventi più applauditi quello del presidente di MCL Padova-Rovigo Carlina Valle che ha evidenziato come il “mantenimento del diritto al lavoro debba forzatamente passare per un rafforzamento delle competenze e per la riqualificazione disoccupati” e del neoletto consigliere nazionale Marco Valle che ha definito i giovani del movimento come “costruttori e testimoni di speranza all’interno di una società sempre più individualistica.”"

Torna su
PadovaOggi è in caricamento