Province, patto Padova-Verona: migliorare i servizi facendo squadra

I due Enti hanno sottoscritto un accordo per condividere le "eccellenze" delle rispettive gestioni. Padova proporrà la sua "App" che piace tanto ai giovani e il Portale del lavoro

I due presidenti di Provincia Barbara Degani e Giovanni Miozzi

Scambio "culturale", di esperienze e progettualità tra le due Province venete di Padova e Verona. I due Enti, rappresentati dai rispettivi presidenti Barbara Degani e Giovanni Miozzi hanno presentato oggi nella città scaligera un "Patto di alleanza e sinergia" per contribuire a valorizzare le specificità e le eccellenze dei due territori.

OBIETTIVI. L'accordo ha lo scopo di incoraggiare e stimolare lo scambio di esperienze per la gestione di servizi ai cittadini e per la sburocratizzazione dei processi attraverso lo Sportello del cittadino, lo scambio di progettualità per ridurre la disoccupazione e promuovere lo sviluppo socio-economico, attraverso l'Agenzia per il lavoro, lo scambio di buone pratiche nel campo della protezione civile e della polizia provinciale, la promozione degli specifici patrimoni culturali, turistici e enogastronomici.

PADOVA. “A Verona hanno trovato molto interessante il nostro nuovo progetto della “App Padova”: un'applicazione di enorme utilità contenente tutte le informazioni davvero utili per i turisti - ha riferito la Degani - Un'idea che ha riscosso moltissimo successo soprattutto tra i giovani.  Vorrei “passare” a Verona anche la progettualità del Portale del Lavoro, un sito con più di 1300 accessi giornalieri dove le numerose domande e offerte dei padovani si incontrano". 

VERONA. La Provincia scaligera metterà in condivisione le proprie "eccellenze". Lo “sportello del cittadino”, che è uno strumento innovativo perchè fa dialogare in tempo reale e con certezza di risposta gli utenti e gli uffici della Provincia, è stato premiato anche dal Governo Berlusconi. Altro motivo di vanto dei veronesi è la messa in rete da parte della polizia provinciale di tutte le informazioni che vengono acquisite negli interventi di controllo del territorio: sono dati che “in diretta” le altre forze dell'ordine possono ricevere per presidiare così ancora meglio i comuni territorio. "Con Padova - ha anticipato Miozzi - penso potremo lavorare per potenziare il sistema di allerta “on line” delle emergenze e delle calamità soprattutto adesso che la Regione del Veneto ha trasferito la delega della Protezione civile alle Province". L'Agenzia per il Lavoro è un'altra eccellenza europea che Verona può “trasferire” come progetto d'avanguardia a Padova.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento