Rischio chiusura per i ponti sull'idrovia Padova-Venezia, il Pd tuona: "Solidarietà ai sindaci"

I consiglieri Francesca Zottis e Bruno Pigozzo all'attacco: "Il Veneto virtuoso lascia la patata bollente nelle mani delle amministrazioni locali con una leggerezza irresponsabile"

Il rischio c'è. E fa indignare Francesca Zottis e Bruno Pigozzo: i consiglieri del Partito Democratico si scagliano contro la paventata chiusura dei ponti sull’Idrovia Padova-Venezia dopo la missiva inviata dalla Direzione operativa dell'area Tutela e sviluppo del territorio della Regione ai Comuni di Padova, Mira, Dolo, Saonara e Vigonovo, nella quale si chiede un incontro con le amministrazioni locali per fare il punto sulla situazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sembrava uno scherzo di cattivo gusto..."

Zottis e Pigotto esclamano in coro: "La Regione non può scaricare la manutenzione delle infrastrutture di propria competenza sui Comuni, minacciando come alternativa la loro chiusura. Quando abbiamo visto la lettera pensavamo ad uno scherzo di cattivo gusto e invece è una nota ufficiale. Piena e totale solidarietà ai sindaci, siamo davvero senza parole". Prosegue l'attacco dei due consiglieri: "In realtà la Giunta ha messo nero su bianco una proposta inaccettabile, a maggior ragione considerando la strategicità dell’opera: cedere ai Comuni ponti e cavalcavia pena il divieto di transito poiché mancano le risorse per la manutenzione. Il Veneto virtuoso, dopo aver tralasciato per troppi anni il tema della manutenzione, sull’onda dell’emotività in seguito alla tragedia di Genova, lascia la patata bollente nelle mani delle amministrazioni locali con una leggerezza irresponsabile. Si arrangino loro, altrimenti si procederà alla chiusura per tutelare la pubblica incolumità. Respingiamo al mittente questo scaricabarile, invitiamo la Regione a chiedere pubblicamente scusa per la lettera e, soprattutto, a fare una doverosa retromarcia. Visto che adesso c’è un ‘governo amico’, Zaia avvii un tavolo congiunto tra Stato e Regione sul tema delle manutenzioni. Le risorse si possono e si devono trovare, specialmente per risolvere un problema noto da anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Maxi fallimento da 36milioni e frode fiscale: sequestrate aziende, case, Ferrari e Porshe

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Scomparsa una 48enne: elicottero e sommozzatori al lavoro per trovarla

  • Uno «strepitoso» test rapido: bastano sette minuti per scoprire se si è positivi al Coronavirus

  • Live - Mistero sugli stranieri abbandonati per strada. Coronavirus, altri due bimbi tra i nuovi positivi

Torna su
PadovaOggi è in caricamento