San Martino di Lupari, comune commissariato, sfiduciato il sindaco Boratto

Dimissioni di 9 consiglieri, così a San Martino di Lupari, arriva il commissario. Intanto la Lega precisa che Gerry Boratto non fa più parte del partito dal 2015

San Martino di Lupari

Commissariamento in vista per il comune San Martino di Lupari. Nove consiglieri comunali infatti hanno rassegnato le dimissioni, facendo cadere la giunta guidata dal sindaco Gerry Boratto. Il 26 maggio la giunta sarebbe ugualmente stata rinnovata, visto che si andrà al voto anche qui, fino a quel momento il comune è commissariato. 

Non Lega

Molti organi di stampa nel dare la notizia hanno indicato Gerry Boratto come un iscritto e quindi esponente della Lega. La segreteria del partito non solo smentisce con una nota ma ricorda che Boratto non fa più parte della Lega dal 2015. 

La nota

Ha spiegato in una nota Giuseppe Paolin, responsabile organizzativo della Lega: «Apprendiamo dalla stampa che, a seguito delle dimissioni di alcuni consiglieri comunali, il sindaco di San Martino di Lupari, Gerry Borratto, è stato sfiduciato. Si precisa che Gerry Boratto non appartiene alla Lega – Liga Veneta: non è tesserato al nostro movimento dall’aprile del 2015 quando prese scelte politiche regionali in contrapposizione alla Lega stessa. A fronte di questo, il partito prese provvedimenti disciplinari nei suoi confronti. Pertanto, Gerry Boratto non solo non è iscritto ma non rappresenta in alcun modo la linea politica del partito”. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento