Caso Electrolux, Serracchiani (Pd) invoca le dimissioni di Zanonato

La presidente democratica del Friuli Venezia Giulia si scaglia contro il ministro dello Sviluppo dopo le sue dichiarazioni riguardo i problemi del gruppo svedese, asuo parere riguardanti "solo lo stabilimento di Porcia"

Flavio Zanonato

"Nella gestione della crisi Electrolux il ministro Zanonato ha dimostrato di non avere l'equilibrio necessario per ricoprire il suo delicato incarico: dovrebbe dimettersi", con queste parole la presidente democratica della regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani ha attaccato direttamente l'ex sindaco di Padova, ora titolare dello Sviluppo economico, a seguito di alcune sue dichiarazioni rese a Il Gazzettino.

BITONCI (LEGA): "Pd formalizzi sfiducia in Parlamento"

SCONTRO SULLA CRISI DELL'AZIENDA. Nell'occhio del ciclone l'opinione espressa dal ministro secondo il quale "i problemi e le difficoltà del gruppo svedese riguardano solo lo stabilimento di Porcia e non quello di Susegana". "Come presidente di Regione - ha detto la Serracchiani - devo esprimere un vivissimo rammarico per la condotta tenuta dal ministro Zanonato, che ha preferito saltare tutti i livelli di mediazione, inclusi quelli istituzionali, credendo di risolvere la crisi buttando a mare lo stabilimento di Porcia. Per noi è inaccettabile il metodo e soprattutto il merito".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento