Al via la campagna anti influenzale della Ulss 6: le informazioni su dove e come vaccinarsi

“Proteggiti per proteggere!” parte lunedì 5 novembre e offre 164mila dosi gratuite di vaccino per i pazienti a rischio. Qui potete scoprire chi ha diritto a ottenerlo e dove trovarlo

Parte lunedì 5 novembre la campagna contro l’influenza stagionale promossa dal Dipartimento di prevenzione della Ulss 6 Euganea: 164mila le dosi messe gratuitamente a disposizione delle categorie a rischio.

La campagna di sensibilizzazione

“Proteggiti per proteggere!” è il titolo scelto per la campagna anti influenzale 2018/19, supportata da un video diffuso su Youtube dall'ente socio-sanitario con gli operatori impegnati in prima persona a promuovere l'importanza del vaccino e sensibilizzare la popolazione. Simbolicamente, il primo a vaccinarsi è il direttore generale Domenico Scibetta: «Immunizzarsi è un atto di responsabilità per sè e per gli altri. Mai sottovalutare le complicanze del virus: il vaccino è la miglior risposta in termini di efficienza organizzativa ed efficacia sanitaria» ha affermato.

💉 Scarica l'elenco completo dei luoghi di distribuzione e dei pazienti che rientrano nelle categorie a rischio

Dove

I pazienti a rischio potranno vaccinarsi gratuitamente. I vaccini sono reperibili dal 5 novembre nelle sedi Ulss, nei distretti socio-sanitari e negli studi di medici di famiglia e pediatri che aderiscono alla campagna. Si può richiedere la vaccinazione in qualsiasi sede negli orari indicati. L’accesso è libero senza prenotazione con l’eccezione di alcune sedi.

Chi

La vaccinazione protegge dal rischio di sviluppare le complicanze o le forme gravi della malattia. È raccomandata e gratuita per le persone dai 65 anni in poi, per i soggetti con patologie croniche, disabili, anziani istituzionalizzati, badanti, familiari di persone immunodepresse, donne in gravidanza. La vaccinazione è raccomandata anche ai familiari di persone affette da gravi patologie e ad alto rischio di complicazioni e al personale di assistenza e sanitario. Il vaccino rimane lo strumento più sicuro, economico e facile: vaccinare i soggetti più fragili significa rafforzare la cosiddetta "immunità di gregge", con un beneficio collettivo, anche di coloro che, sofferenti per varie patologie, non possono essere sottoposti a vaccinazione. Una sola dose di vaccino è sufficiente per i pazienti di tutte le età (si raccomandano due dosi distanziate di almeno quattro settimane solo per i bambini al di sotto dei 9 anni mai vaccinati in precedenza).

Regole d'oro

Oltre al vaccino, le quattro regole per prevenire l'influenza sono:

  • Lavarsi spesso le mani. In assenza di acqua, è consigliabile l’uso di gel alcolici.

  • Coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce. Usare preferibilmente fazzoletti di carta, gettandoli via subito dopo l’uso; in caso di fazzoletti di stoffa, evitare l’uso ripetuto, ma lavarli a temperatura molto alta (60 gradi).

  • Restare in casa, già dai primi accenni di influenza (problemi respiratori, febbre...).

  • Usare mascherine, se si hanno sintomi influenzali, quando ci si trova in ambienti sanitari.

Regole anti influenzali-2

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Dal melanoma alla gravidanza: la testimonianza di Teresa, fanatica della tintarella

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Ferragosto, fuochi in Prato, musei aperti, feste e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Si schianta contro un platano a 300 metri da casa: muore un centauro di 28 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento