Scuola e responsabilità sociale d'impresa: tra i premiati anche un istituto di Piove di Sacco

Si chiude il concorso CSR Business Game di Unioncamere e Regione Veneto. Nell’ultimo biennio coinvolti 21 Istituti, 822 studenti, 28 imprese e 96 professionisti

Si è chiuso a dicembre il concorso online «CSR Business Game» finanziato da Regione Veneto e Unioncamere del Venetonell’ambito del Progetto CSR Veneto. Aperto agli studenti dell’ultimo triennio di tutti gli Istituti secondari superiori del Veneto, il concorso ha coinvolto 37 squadre appartenenti a 5 istituti che si sono sfidate a colpi di Corporate Social Responsibility (CSR). La graduatoria finale, sulla base dei punteggi ottenuti dalle squadre con le proprie scelte di gestione aziendale, è consultabile online.

I risultati

Prima classificata, con 255 punti, la squadra “Devastanti” dell’I.S.I.S. Gino Luzzatto di Portogruaro (Venezia) guidata dalla prof.ssa Carmen Marzola; seconda, con 250 punti, la squadra “CDV” dell’I.S.I.S.S. Da Collo di Conegliano (Treviso) guidata dalla prof.ssa Sonia Dalto; terza, con 243 punti, la squadra “BZM” dell’I.I.S. De Nicola di Piove di Sacco (Padova) guidata dalla prof.ssa Margherita Fano e dal prof. Mattia Perrone. Alle tre squadre vincitrici sarà consegnato un attestato di merito. Il «CSR Business Game» è una piattaforma web based, ideata dalla società The Business Game S.r.l e da Anima Impresa, attraverso la quale gruppi di studenti, costituti in squadre, simulano la gestione di una propria azienda applicando i temi della Corporate Social Responsibility (CSR) e sfidando le altre aziende virtuali, formate a loro volta da altri team di studenti. Il «CSR Business Game» rappresenta l’ultima attività del Progetto CSR Veneto, avviato nel 2007 dalla collaborazione tra Regione e Unioncamere del Veneto. Il lavoro di squadra ha portato a numerose attività rivolte a scuole, imprese e professionisti per la promozione dei principi della Responsabilità Sociale d’Impresa (in inglese CSR – Corporate Social Responsibility). Negli ultimi due anni hanno beneficiato delle attività del Progetto CSR Veneto 21 istituti secondari superiori, 45 docenti, 31 classi, 822 studenti, 28 imprese e 96 professionisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alternanza scuola lavoro

«L’interesse dimostrato per queste attività testimonia l’importanza dell’alternanza scuola-lavoro e della promozione della responsabilità sociale d’impresa. La riforma del Sistema camerale ha attribuito alle Camere di Commercio un ruolo chiave nella gestione e promozione dell’alternanza scuola-lavoro, che le Camere svolgono ad esempio attraverso bandi per il finanziamento delle imprese che accolgono gli studenti – sottolinea Mario Pozza, presidente Unioncamere Veneto –. Unioncamere del Veneto e le Camere di Commercio della Regione sono inoltre impegnate da anni nella promozione della CSR perché credono fortemente sia la strada per contribuire a uno sviluppo sostenibile e competitivo del sistema economico e imprenditoriale. Sensibilizzare da un lato gli studenti, cittadini e lavoratori di domani, e dall’altro le imprese e i professionisti sono le strade che abbiamo individuato, di concerto con la Regione Veneto, per promuovere i principi della responsabilità sociale nel nostro territorio. Ci auguriamo che questo impegno possa proseguire anche nei prossimi anni a tutto vantaggio delle imprese, degli studenti e dei cittadini del Veneto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento