I più bravi d'Italia: vittoria al concorso nazionale Federchimica per una scuola media padovana

Le classi 2°B e 3°B del XIV Istituto Comprensivo Statale Galileo Galilei di Padova hanno vinto nella categoria “Farmaci di automedicazione”

Le classi vincitrici

I 150 anni della Tavola Periodica degli elementi, celebrati dall’Onu nel 2019, sono stati il tema principale del Premio Nazionale Federchimica Giovani per l’anno scolastico 2018-2019. Il concorso, destinato alle scuole medie, è promosso ogni anno da Federchimica, la Federazione nazionale dell’Industria chimica, insieme al Miur. L’edizione di quest’anno ha ricevuto oltre 500 progetti da tutta Italia e ha coinvolto più di 6.000 studenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il premio

Al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano sono stati consegnati i premi ai migliori elaborati che hanno raccontato, in modo originale e creativo, come la chimica ci accompagni in ogni momento della nostra giornata e sia fondamentale nelle grandi sfide dell’umanità e del pianeta. Le classi 2°B e 3°B del XIV Istituto Comprensivo Statale Galileo Galilei di Padova hanno vinto nella categoria “Farmaci di automedicazione” rappresentata in Federchimica da Assosalute - Associazione nazionale farmaci di automedicazione - con il progetto “Bugiardi-no”. L’elaborato è un video sull’utilizzo consapevole e corretto dei farmaci di automedicazione e dell’importanza del foglietto illustrativo. Efficace nei messaggi, approfondito nei contenuti e originale nella realizzazione, “Bugiardi-no” affronta il tema della scelta di un farmaco e del suo corretto uso rispetto alle caratteristiche del disturbo e del cittadino/paziente che deve assumerlo, anche attraverso interviste e la simulazione di casi di vita reale. Il Premio ha l’obiettivo di migliorare la conoscenza della chimica e valorizzare il suo contributo al benessere dell’umanità, potenziare l’interazione tra scuola, territorio e industria chimica e orientare verso percorsi di studio tecnico-scientifici. Ogni anno vengono messi in palio un tablet per i vincitori singoli e 2.000 euro alle scuole che vincono con lavori di gruppo; quest’anno sono stati consegnati in tutto 26 premi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento