Un "totem" che misura la temperatura e conta gli accessi: per la Fase 2 arriva "Thermo Access"

Creato dall'imprenditore padovano Andrea Minozzi col socio in affari Diego Pol e studiato per i negozi, ma c’è anche una versione mini utilizzabile anche su bus e treni per misurare la temperatura e il numero di persone che accedono

Entrambi nel 2014 erano in Liberia a gestire i relativi cantieri quando scoppiò l’epidemia del virus Ebola. Ora, a distanza di sei anni, condividono - ma questa volta in Italia - l'emergenza Coronavirus. E forse proprio perché già “esperti di pandemia” hanno fatto propri alcuni insegnamenti di quell'esperienza e li hanno applicati in questa quarantena: vi raccontiamo la storia dell'imprenditore padovano Andrea Minozzi, amministratore delegato di quattro aziende autonome ma fortemente interconnesse tra di loro che operano nel settore dell’elettronica applicata agli impianti (sia in Italia che all’estero), e del suo socio in affari Diego Pol, amministratore unico di Cesaf Srl, società trevigiana che da decenni opera nel settore del contract e delle telecomunicazioni in tutto il mondo.

Thermo Access 3-2

Thermo Access

I due imprenditori hanno unito le forze inventando, progettando e creando "Thermo Access", un dispositivo semplice ed immediato (pronto all’utilizzo in 5 minuti e senza l’ausilio di nessun tecnico per l’installazione, il tutto nel totale rispetto della privacy dell’utente e con tecnologia Siemens) concepito a totem integrato e preconfigurato, che opera attraverso uno sistema di rilevazione della temperatura corporea studiato non solo per gli adulti ma anche per bambini o disabili in carrozzina. Come funziona Thermo Access? Il viso dell’utente viene inquadrato dalla telecamera e visualizzato nel display, che darà poi il via libera in caso di temperatura corporea inferiore a 37,5°. Il "totem", inoltre, esegue il conteggio delle persone in entrata ed uscita in modo da garantire sempre il numero corretto di accessi contemporanei all’interno del locale e può essere collegato all’apertura di porte automatiche, tornelli, varchi con tanto di invio in automatico di una mail al responsabile della sicurezza o ufficio personale per segnalare l'eventuale superamento della soglia massima. Il tutto garantendo 1024 scansioni al secondo, alimentato semplicemente da una presa di corrente: il modello master è un dispositivo robusto (pesa quasi 80 Kg) che utilizza tecnologia industriale antiurto e antimanomissione, ma c’è anche una versione mini - in fase di test finale - utilizzabile nel trasporto pubblico e privato per misurare la temperatura e il numero di persone che accedono nei mezzi di trasporto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cantiere delle Donne

La produzione su vasta scala di Thermo Access è iniziata ufficialmente il 4 maggio: vengono realizzati circa 200 pezzi al giorno, e all'utilità si unisce anche l'opportunità lavorativa visto che questa nuova linea produttiva tra Padova e Treviso richiederà l’impiego di almeno 70/80 persone che le due società andranno ad integrare al loro organico. Opportunità lavorativa che i due imprenditori veneti hanno già allargato ad un’altra parte d’Italia, nello specifico a un imprenditore pugliese, già socio in affari di Minozzi e Pol: forti di questo progetto innovativo e di prevenzione, i tre imprenditori sono andati addirittura oltre, aprendo ad una “rivoluzione gentile”. A spiegarla è Andrea Minozzi: «È cambiato il mondo, sono cambiate le nostre abitudini e tutti parlano di un nuovo mondo che dobbiamo andare a costruire. E noi vogliamo cambiarlo non solo sul versante della sicurezza e del lavoro, ma anche con un occhio e una prospettiva in rosa dato che si è detto che la presenza femminile, così importante in questa quarantena e nella nostra società, sia fondamentale per rifondare un mondo in parità. Noi, dunque, abbiamo destinato un 3% sulle vendite di Thermo Access al Cantiere delle Donne, una community nata proprio in Veneto per dare voce alle donne, realizzare progetti, portare avanti attività e battaglie per il bene di tutti, che oggi conta quasi 3.400 donne da tutta Italia, un numero in continua crescita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento