Atletica, Meeting città di Padova 2012 tra record e bellezze

Ieri sera all'Euganeo la 26° edizione dell'evento sportivo che celebra i campioni dell'atletica mondiale. Nesta Carter, giamaicano oro a Londra, ha segnato il record dei 100 metri. Applauditissima la russa modella-atleta di salto in lungo Darya Klishina

Nesta Carter in gara per i 100 dove segna il record

Padova capitale dell'atletica mondiale per un giorno. È successo ieri sera, alla 26° edizione del Meeting Città di Padova allestito allo stadio Euganeo. In scena tra piste, sabbia e ostacoli, i big dello sport reduci in gran parte dalle recenti olimpiadi di Londra.

I RECORD. Non sono mancati i risultati da primato. Nesta Carter - primo frazionista della staffetta giamaicana oro a Londra - ha migliorato il record della manifestazione dei 100 – che già gli apparteneva, in comproprietà con Coby Miller – di un centesimo di secondo: 10"09. "A Padova torno sempre volentieri e sono contento di questo primato - ha dichiarato Carter - La vittoria all'Olimpiade? È stato un bel regalo per il mio paese che festeggia i cinquant'anni di indipendenza". Jason Richardson - campione del mondo statunitense nella specialità ostacoli - ha collezionato un ottimo 13"18 nei 110 metri ad ostacoli. Lo stesso firmato da Mark Crear nel '98. "Siamo a fine stagione ma ne ho ancora da spendere", ha detto Richardson.

SALTO TRIPLO. Gli italiani Fabrizio Donato e Daniele Greco si sono classificati rispettivamente primo (16.84 metri) e secondo (16.56 metri) nella specialità del salto triplo. Per entrambi, dopo la performance è scattato l'assalto dell'affetto del pubblico padovano, con i bambini che sono entrati in pista a chiedere autografi.

L'ATLETA-MISS. Tra le più applaudite, l'atleta-modella russa Darya Klishina, che si è imposta nel salto in lungo con 6.63 metri davanti all'americana Chelsea Hayes (6.60) e alla bielorussa Nastassia Ivanova Mironchyk (6.59). "Non avevo mai gareggiato prima in Italia, ho trovato una pedana molto performante - ha riferito Klishina - Se mi dà fastidio che si parli di me per la mia bellezza? No, è anche questo un modo per portare fan all'atletica".

200 METRI. Libania Grenot - atleta italiana di origini cubane - ha migliorato il suo record personale nei 200, salendo sul terzo gradino del podio nella gara vinta dalla giamaicana Anneisha McLaughlin in 22"70: il 22"85 dell'azzurra è anche la seconda miglior prestazione italiana di sempre (supera il 22"88 di Marisa Masullo). "Ma io so di valere un tempo ancora più basso di questo", ha commentato Libania.

GLI ALTRI AZZURRI. Da menzionare anche il 3° posto di Giordano Benedetti nel doppio giro di pista (1'46"76 nella prova vinta dall'australiano Jeffrey Riseley) e il quarto della padovana Chiara Rosa nel peso (17.67, con vittoria della bielorussa Natallia Michnevich con 18.80). Grandi applausi inoltre per i 200 metri paralimpici, vinti da Gionata Cardo: hanno fatto respirare nel Meeting organizzato da Assindustria Sport Padova un po' dell'aria delle Paralimpiadi.

Di seguito, tutti i risultati:

UOMINI. 100 (v. +0.7 m/s): 1. Nesta Carter (Jam) 10"09, 2. Trell Kimmons (Usa) 10"14, 3. Gerald Phiri (Zam) 10"20, 4. Rasheed Dwyer (Jam) 10"24, 5. Calesio Newman (Usa) 10"29, 6. Ronald Pognon (Fra) 10"36, 7. Jacques Riparelli (Ita) 10"46, 8. Michael Tumi (Ita) 10"47. 400: 1. Omar Cisneros (Cub) 45"47, 2. Calvin Smith (Usa) 45"51, 3. Angelo Taylor (Usa) 45"74, 4. Donald Sanford (Isr) 47"19, 5. Isalbet Juarez (Ita) 47"30, 6. Edino Steele (Jam) 47"51, 7. Benjamin Sumner (Gbr) 48"08, 8. Marko Machu (Slo) 49"07. 800: 1. Jeffrey Riseley (Aus) 1'46"38, 2. Mohamad Al-Garni (Qat) 1'46"63, 3. Giordano Benedetti (Ita) 1'46"76, 4. Paul Robinson (Irl) 1'47"02, 5. Musaeb A. Balla (Qat) 1'47"21, 6. Nicholas K. Kipkoech (Ken) 1'47"41, 7. Andrew Kiptoo Rotich (Ken) 1'47"52, 8. Nicholas Willis (Nzl) 1'48"19, 9. Thomas Chamney (Irl) 1'48"34, 10. Jena Umar (Eth) 1'49"22. 110 ostacoli (+0.1): 1. Jason Richardson (Usa) 13.18, 2. Lehann Fourie (Rsa) 13"27, 3. Maksim Lynsha (Blr) 13"49, 4. David Payne (Usa) 13.55, 5. Emanuele Abate (Ita) 13"64, 6. Tyrone Akins (Usa) 13"80, 7. Stefano Tedesco (Ita) 13"94, 8. Samuele Devarti (Ita) 14"41. Triplo: 1. Fabrizio Donato (Ita) 16.84 (+0.1), 2. Daniele Greco (Ita) 16.56 (-0.1), 3. Aliaksei Tsapik (Blr) 16.52 (+0.1), 4. Viktor Yastrebov (Ukr) 16.44 (0.0). Peso: 1. Justin Rodhe (Can) 20.34, 2. Andrei Mikhnevich (Blr) 18.91, 3. Joe Kovacs (Usa) 18.90, 4. Marco Di Maggio (Ita) 17.64, 5. Andrea Ricci (Ita) 17.60. 100 under 23 (-0.2): 1. Delmas Obou (Ita) 10"69, 2. Enrico Cioli (Ita) 11"00, 3. Michele Calvi (Ita) 11"12, 4. Alessandro Pino (Ita) 11"15, 5. Marco Martini (Ita) 11"29, 6. Riccardo Marcato (Ita) 11"29, 7. Samuele Devarti (Ita) 11"39, 8. Abdul A. Diaby (Ita) 11"53. 200 paralimpici (-0.6): 1. Gionata Cardo (Ita) 28"45, 2. Leandro Zago (Ita) 29"19, 3. Alberto Bonato (Ita) 30"99, 4. Roberto Casarin (Ita) 31"66, 5. Matteo Zamprogna (Ita) 34"40, 6. Federico Basso (Ita) 34"57, 7. Michele Zugno (Ita) 34"83, 8. Marco Gianella (Ita) 35"45.

DONNE. 200 (-0.7): 1. Anneisha McLaughlin (Jam) 22"70, 2. Janeba Tarmoh (Usa) 22"83, 3. Libania Grenot (Ita) 22"85, 4. Mariya Elizavet Ryemyen (Ukr) 22"96, 5. Antonina Krivoshapka (Rus) 23"03, 6. Sheron Simpson (Jam) 23"28, 7. Hrystyna Stuy (Ukr) 23"52, 8. Gloria Hooper (Ita) 24"14. 800: 1. Elena Kofanova (Rus) 2'00"93, 2. Eunice K. Sum (Ken) 2'01"27, 3. Hanna England (Grb) 2'01"63, 4. Anna Pierce (Usa) 2'01"84, 5. Zoe Buckman (Aus) 2'02"19, 6. Lydianasimiyu Wafula (Ken) 2'02"35, 7. Brenda Martinez (Usa) 2'02"79, 8. Irina Maracheva (Rus) 2'03"26, 9. Marta Milani (Ita) 2'04"34, 10. Annet Mwanzi Lukhuyi (Ken) 2'04"68. 1500: 1. Yuliya Fomenko Chizenko (Rus) 4'11"50, 2. Anna Mishchenko (Ukr) 4'12"16, 3. Iris Fuentes-Pila (Esp) 4'13"05, 4. Elisabeth Maloy (Usa) 4'13"14, 5. Margherita Magnani (Ita) 4'13"28, 6. Janet Achola (Uga) 4'14"00, 7. Elisa Cusma Piccione (Ita) 4'14"23, 8. Natalia Rodriguez (Esp) 4'19"39. Asta: 1. Anastasiya Shvedova (Blr) 4.55, 2. Aleksandra Kiryashova (Rus) 4.45, 3. Lisa Ryzih (Ger) 4.40, 4. Anastasia Savchenko (Rus) 4.35, 5. Alana Boyd (Aus) 4.35, 6. Roberta Bruni (Ita) 4.20, 7. Anna Giordano Bruno (Ita) 4.00. Lungo: 1. Darya Klishina (Rus) 6.63 (+0.7), 2. Chelsea Hayes (Usa) 6.60 (+0.2), 3. Ivanova Nasta Mironchyk (Blr) 6.59 (+0.5), 4. Whitney Gipson (Usa) 6.51 (+1.3), 5. Keila Costa (Bra) 6.46 (+0.8), 6. Tania Vicenzino (Ita) 6.14 (+0.7). Peso: 1. Natallia Mikhnevich (Blr) 18.80, 2. Cleopatra Borel (Tri) 18.71, 3. Irina Tarasova (Rus) 18.68, 4. Chiara Rosa (Ita) 17.67, 5. Laura Bordignon (Ita) 15.04, 6. Francesca Stevanato (Ita) 14.58. 100 under 23 (-0.4): 1. Irene Siragusa (Ita) 12"07, 2. Elisa Paiero (Ita) 12"54, 3. Jennifer C. Olekibe (Nig) 12"70, 4. Johanelis Herrera Abreu (Ita) 12"73, 5. Silvia Zerbini (Ita) 12"77, 6. Martina Schiavon (Ita) 12"78, 7. Virginia Morassutti (Ita) 13"14.

 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Mediterranea e i 49 migranti salvati in mare: sulla nave c'è anche Luca Casarini

  • Sport

    World Games Special Olympics, Paccagnella e Bacelle sono argento e oro mondiali

  • Cronaca

    Compra online due costosi violini, poi la sorpresa: erano stati rubati quasi vent'anni fa

  • Attualità

    Sicurezza sul lavoro, Fiom scende in piazza con sciopero e corteo: «Siamo in guerra»

I più letti della settimana

  • Tir si rovescia su un'auto, le lamiere diventano una trappola mortale per un 48enne

  • Strade ancora insanguinate: scontro tra auto e furgone, muore un papà di 34 anni

  • Dramma della strada, Cristina muore tra le lamiere dopo il violentissimo schianto sul platano

  • Villetta in fiamme, il tetto brucia. La colonna di fumo si vede da chilometri

  • Famiglia intossicata dal monossido: muore il padre, mamma e figlio rianimati dai militari

  • Dramma allo stabilimento Peroni: camionista si accascia al volante, stroncato da un malore

Torna su
PadovaOggi è in caricamento