Un padovano sul tetto del mondo: Luca Chiumento è il nuovo campione iridato di canottaggio

Il 22enne di Selvazzano Dentro e atleta della PadovaNuoto si è laureato campione del mondo Under 23 di canottaggio negli Stati Uniti nella specialità del doppio Under 23 insieme ad Andrea Cattaneo

Andrea Cattaneo e Luca Chiumento dopo la vittoria

Un successo incredibile: Luca Chiumento, 22enne di Selvazzano Dentro, si è laureato campione del mondo Under 23 di canottaggio a Sarasota in Florida, negli Stati Uniti.

La vittoria

L’atleta della Canottieri Padova è il nuovo campione del mondo nella specialità del doppio Under 23 insieme ad Andrea Cattaneo (G.S. Carabinieri). Ma pensa già al prossimo appuntamento: i campionati del mondo assoluti che si disputeranno a Linz, in Austria, dal 25 agosto al primo di settembre, quando in palio, oltre ai titoli e alle medaglie, ci saranno le qualificazioni per le Olimpiadi di Tokyo del prossimo anno.

Luca Chiumento

Luca Chiumento è nato a Padova il 19 novembre 1997, si trasferisce nel Comune di Selvazzano Dentro nel 2006 dove ha frequentato le scuole. Si avvicina al canottaggio nell'agosto del 2008 grazie al cugino Francesco tramite i corsi estivi alla Canottieri Padova. Comincia l’attività agonistica all'età di 14 anni e nel 2017 inizia a far parte della nazionale italiana. «Sicuramente l'essere campione del mondo - racconta Chiumento - è una delle mie più grandi soddisfazioni. Inizialmente non ero molto portato per il canottaggio, poi piano piano sono cresciuto e con impegno e costanza ho capito che potevo ricavarci qualcosa. È costato molto duro lavoro, sveglie presto e tanti sacrifici, ma rifarei di nuovo tutto da capo».

I commenti

Afferma Giovanna Rossi, sindaco di Selvazzano Dentro: «Un campione dello sport di soli 22 anni è per me un grande onore e un esempio per tutti noi ed in particolare per i nostri ragazzi: passione, impegno e dedizione sono alla base di ogni successo nella vita». Aggiunge Giacomo Rodighiero, assessore alle politiche giovanili e alla valorizzazione del territorio: «La vittoria di questo giovane selvazzanese dà valore al grande progetto sul quale stiamo investendo da anni e che finalmente sta prendendo forma in questi giorni: la risistemazione della golena Sabbionari con il porticciolo per l’approdo delle imbarcazioni  che diventerà un punto di riferimento per il turismo fluviale e le attività sportive che si possono praticare nel nostro meraviglioso fiume dalla voga alla veneta al canottaggio e molto altro». Conclude il consigliere delegato allo sport, Alberto Flaminio: «È motivo d’orgoglio vedere che un nostro giovane concittadino abbia raggiunto un così importante risultato in una disciplina nobile come il canottaggio. Ho avuto modo di sentire Luca e di farmi raccontare com’è andata la gara, un testa a testa con i Neozelandesi, culminato con un ottimo spunto negli ultimi 250 metri, che ha permesso all’equipaggio italiano di arrivare per primo al traguardo. Fa ben sperare anche il successo di un altro giovane Selvazzanese - Vasco Clerici - che il 30 giugno scorso, a Ravenna si è aggiudicato il titolo italiano nella categoria Esordienti. È un piacere constatare che la tradizione remiera di Selvazzano prosegue, producendo sempre nuovi talenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalle acque gelide affiora un corpo di uomo: i passanti notano la salma lungo la riva

  • Rotogal brucia: inferno di fuoco all'alba. Il sindaco: «State in casa», Arpav monitora l'aria

  • Centrato in pieno da un'auto mentre attraversa a piedi l'autostrada: morte sulla A4

  • Live maltempo: a Padova e provincia black out e rami caduti, Venezia in ginocchio

  • Cadavere nel parcheggio: fu arrestato per le spaccate, stroncato dalla droga

  • "Situazione meteo in peggioramento, allerta arancione per Bacchiglione e Brenta”: l’aggiornamento

Torna su
PadovaOggi è in caricamento