Colli Scaligeri: GDA Communication gioca la carta Maddalosso con il pilota di Albignasego

La scuderia con base a Modena sarà della partita, sulle speciali veronesi, con il pilota di Albignasego, al via con una Peugeot 208 R2

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Periodo senza tregua per GDA Communication che, dopo aver archiviato il primo atto del campionato italiano WRC, in quel del Rally Mille Miglia, è già pronta ad affrontare un evento in forte crescita: il rally dei colli Scaligeri. La competizione organizzata da Aeffe Sport e Comunicazione, diventata un punto di riferimento in Triveneto, giunge quest'anno alla quarta edizione, la quale andrà in scena i prossimi 6 e 7 aprile a Montorio, in provincia di Verona.

La scuderia modenese, per l'occasione, si presenterà ai nastri di partenza con un nuovo acquisto: stiamo parlando di Roberto Maddalosso, il quale sarà affiancato da Nicola Doria. Il pilota di Albignasego, in provincia di Padova, aprirà la stagione agonistica 2019 alla guida di una Peugeot 208 R2, nell'intento di ben figurare in una delle classi più agguerrite sulla carta.

«Un particolare ringraziamento va a GDA Communication – racconta Maddalosso – per averci accolto, a braccia aperte, in quella che è più una famiglia rispetto ad una scuderia. Siamo molto contenti di poter iniziare questo nuovo anno difendendo i loro colori. Non abbiamo un programma ben definito ma affrontiamo gare che ci piacciono. A cinquantun anni il lavoro non permette di seguire un campionato specifico. Sarà la nostra seconda uscita sulla Peugeot 208 R2, dopo il Rally Due Valli della scorsa annata. Confidiamo che il meteo sia clemente, ricordando le difficili condizioni che abbiamo vissuto lo scorso anno».

Numero trentacinque sulle fiancate della trazione anteriore di casa Peugeot per Maddalosso, il quale vanta la seconda posizione di classe R2B, sotto l'acqua, al Colli Scaligeri targato 2018. L'edizione di quest'anno, confermata nella veste del rally day, prevede tre prove speciali da ripetere, ciascuna, per due passaggi: “Valsquaranto” (5,86 km), “Caio” (5,70 km) e “San Cassiano” (6,07 km) andranno a completare un percorso di gara di quasi centoquaranta chilometri complessivi, dei quali poco più di trentacinque di tratti cronometrati. Una prima stagionale, quella del pilota patavino, che si preannuncia davvero interessante, in virtù del podio maturato nella passata edizione.

«Abbiamo un bel ricordo del Colli Scaligeri – sottolinea Maddalosso – perché lo scorso anno siamo riusciti a salire sul secondo gradino del podio, nella nostra classe, nonostante le condizioni meteo fossero, a tratti, davvero proibitive. Dopo il Due Valli abbiamo apportato delle modifiche alle geometrie dell'assetto, modificando anche il setup degli ammortizzatori. Sarà fondamentale, per noi, svolgere un ottimo lavoro nella sessione di shakedown, prevista per il Sabato, nella speranza che ci possa essere una bella giornata di sole. Il percorso, seppur breve come in tutti i rally day, è molto bello. Le prove speciali alternano tratti in salita ed in discesa, sia veloci che misti. Avendo corso una sola volta con la Peugeot 208 non ci aspettiamo grandi piazzamenti ma speriamo di aumentare il feeling con il mezzo, quanto prima possibile. Se poi il cronometro ci sarà favorevole di certo non ci darà fastidio. Noi ci proviamo».

Torna su
PadovaOggi è in caricamento