Kioene Padova, in banda arriva Lazar Cirovic: attaccante serbo in arrivo dal Panathinaikos

Si completa un nuovo tassello: accordo biennale con il 25enne di nazionalità serba. Dopo il centrale Alberto Polo, è il secondo nuovo atleta della Kioene 2017/18

Serbo, classe 1992, per 200 cm di altezza. È Lazar Cirovic il nuovo innesto della Kioene Padova. Dopo l'arrivo del centrale vicentino Alberto Polo, la società patavina, in forza al campionato di Superlega, ufficializza l'accordo biennale con lo schiacciatore, in arrivo dal Panathinaikos, che si dice onorato di giocare all'ombra del Santo: "Una città di grande tradizione pallavolistica come quella in cui sono cresciuto".

CARRIERA. La sua carriera da atleta inizia nel 2007 nella squadra serba del Radnicki Kragujevac. Nel 2014/15 passa al Budvanska Rivijera in Montenegro per accasarsi la stagione successiva nel campionato turco all’Ayfon belediye yuntas.

BUON CAMPIONATO. Cosa ti aspetti da questa nuova avventura? "Spero di ambientarmi da subito. Per me è un vero onore poter giocare a Padova, anche perché l’Italia è la miglior Nazione in cui giocare a pallavolo. Mi aspetto di disputare un buon campionato con la maglia della Kioene e di sfruttare questa occasione per crescere come atleta e come uomo".

GRAN LAVORATORE. Come ti descrivi? "Sono uno a cui piace lavorare duro, concentrandomi al massimo sugli obiettivi da raggiungere. Cerco sempre di fare del mio meglio ma rimanendo con i piedi per terra. Si sa che in una stagione possono esserci momenti di alti e bassi, ma quello che conta è guardare al traguardo finale".

ITALIA. Sei mai stato in Italia?"Certo, ho già visitato il vostro Paese sia nelle vesti di turista che di atleta. È una terra bellissima, ricca di tradizioni e storia, per cui non vedo l’ora di arrivare. Anche perché confesso che fate un ottimo tiramisù… il mio dessert preferito". A che età hai iniziato a giocare e c’è un pallavolista in particolare a cui t’ispiri? "Ho cominciato all’età di 12 anni con le giovanili della mia città, che ha la caratteristica di avere una lunga tradizione pallavolistica proprio come Padova: già in questo trovo una speciale affinità. Detto questo, fin da piccolo ho ammirato molti giocatori ma non ho un vero e proprio “idolo”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rotogal brucia: inferno di fuoco all'alba. Il sindaco: «State in casa», Arpav monitora l'aria

  • Dalle acque gelide affiora un corpo di uomo: i passanti notano la salma lungo la riva

  • Tragedia sui Colli: ciclista si scontra con un furgone, morto un 55enne

  • Smantellato giro di prostituzione e casa di appuntamenti in un residence della Guizza

  • Live maltempo: a Padova e provincia black out e rami caduti, Venezia in ginocchio

  • Cadavere nel parcheggio: fu arrestato per le spaccate, stroncato dalla droga

Torna su
PadovaOggi è in caricamento