Nuoto, Matteo Furlan gareggia alla 36km via mare a Napoli: è il favorito maschile

La sfida è prevista per domenica 3 settembre. Il giovane si allena alla Padova Nuoto

Matteo Furlan è a Napoli per tentare l’impresa in cui nessun italiano, negli ultimi 48 anni, è riuscito: vincere la Capri-Napoli, sfida di 36 km in mare. Ed è lui il favorito in campo maschile: medaglia d’argento nella 25 km ai recenti campionati del mondo che si sono svolti a Budapest, la settimana scorsa ha vinto la 42° Faros Marathon in Croazia. L’atleta, che si allena alla Padova Nuoto con Moreno Daga e Kris Zubcic, gareggerà come Marina Militare, il gruppo sportivo per cui è tesserato.

L'APPUNTAMENTO.

La 52° edizione della Capri-Napoli è in programma domenica, 3 settembre con partenza da Le Ondine Beach Club a Capri alle ore 10.15 ed arrivo a partire dalle 16.30/16.45 al Circolo Nautico Posillipo, dopo aver nuotato 36 km. All’edizione di quest’anno ci sono 29 iscritti, di cui 17 uomini e 12 donne di 8 nazioni, che si contenderanno la vittoria di tappa e il Grand Prix FINA.

I NOMI.

A guidare il gruppo degli italiani in gara Matteo Furlan (Marina Militare), vice campione del mondo a Budapest 2017 sui 25 km, Edoardo Stochino (FFOO), campione del mondo del Grand Prix nel 2016. Accanto a loro Gabriele Mento ed esordio per Andrea Bianchi (Marina Militare). Tra le donne sfida tutta italiana per il Grand Prix 2017 tra Barbara Pozzobon, Martina Grimaldi (FFOO) e Alice Franco (Esercito). Arriveranno inoltre i vincitori delle due precedenti edizioni Evgenij Pop Acev (MKD) and Damian Blaum (ARG), mentre per le donne Pilar Geijo (ARG), vincitrice nel 2011 e 2016 oltre che la campionessa del mondo a Budapest 2017 sui 25 km Ana Marcela Cunha (BRA).

IL COMMENTO.

“Questa gara sarà una sorpresa anche per me – commenta il campione padovano-friulano – perché non ho mai fatto gare su distanze superiori ai 25 chilometri: 36 chilometri sono un’incognita, la base di allenamento c’è, si vedrà. La rotta sarà gestita dal mio supporto, mi concentrerò a seguire la barca e a gestire le energie. Sarà un impegno perché le previsioni danno brutto tempo e con esso, il mare mosso”. Furlan, che in quest’occasione è un esordiente, ammette: “Sono molto contento di essere qui e anche curioso di affrontare questa distanza che non ho mai fatto prima. Preoccupazioni? No, nessuna, neanche le meduse. E’ da 48 anni che non vince un italiano, io ci provo…poi, la vittoria alla prima partecipazione, considerato il tipo di gara e l’impegno che richiede, non è scontata”.

Potrebbe interessarti

  • La Notte dei Colori, feste in piazza e sui colli, lirica e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • 10mila veneti colpiti da Linfedema. Sinigaglia: «Pazienti costretti ad andare all'estero per farsi curare»

  • «Ecco perché perdiamo forza durante l’invecchiamento»: la ricerca congiunta Vimm-Università

  • Padova corre all'alba: grande successo per "5 alle 5", in 600 per il debutto all'ombra del Santo

I più letti della settimana

  • Violento acquazzone nel Padovano: forte vento e grandine, alberi sradicati e strade allagate

  • Domenica di sangue: schianto tra due auto sull'argine a Codevigo, morto un 43enne

  • Tragico frontale sulla regionale 308: muore un parroco di 82 anni

  • Lutto nello sport: muore a soli 18 anni una giovane promessa della Padova Nuoto

  • Tragico schianto in moto alle Canarie: muore Andrea "Pizzi" Mazzin, 35enne padovano

  • Ligabue per pranzo alla “Trattoria al Pirio” a Torreglia, stasera il grande live all'Euganeo

Torna su
PadovaOggi è in caricamento