Atletica, meeting Città di Padova: Shelly-Ann Fraser-Pryce correrà sulla pista del Colbachini

Regalo a sorpresa agli appassionati di atletica: la velocista giamaicana, vincitrice di 16 medaglie fra Olimpiadi e Mondiali, si aggiunge al cast dell’evento di martedì 16 luglio

Il presidente di Assindustria Sport Leopoldo Destro lo aveva anticipato a margine della conferenza stampa di lancio dell’evento: «Il cast è già molto ricco, ma stiamo lavorando per portare un’altra stella al Colbachini». Beh, è stato di parola. Perché la stella che si aggiunge al “Città di Padova” è in assoluto una delle più brillanti della storia dell’atletica leggera: Shelly-Ann Fraser-Pryce. La campionessa giamaicana è da più di un decennio uno dei simboli più fulgidi della velocità mondiale ed è la quarta regina di un Meeting che, martedì 16 luglio (a ingresso gratuito), potrà già schierare atlete del calibro di Mariya Lasitskene nel salto in alto, Phyllis Francis nel giro di pista e Yulimar Rojas nel triplo, per citare solo gli altri tre nomi di maggior spicco.

Un gradito ritorno

Fraser-Pryce torna in Veneto dopo aver già vinto i 100 metri a Padova nelle edizioni del 2015 (col record della manifestazione, 10”98, allora “scippato” dopo più di un quarto di secolo a Merlene Ottey) e nel 2016, quando ancora si gareggiava all’Euganeo e non sulla veloce pista del rinnovato Stadio Colbachini. Nel frattempo è diventata mamma, si è ovviamente fermata per un po’ e ha ripreso a correre… fortissimo: il suo primato stagionale, di 10”73, realizzato nella sua Kingston lo scorso 21 giugno, la pone in testa alle liste internazionali del 2019 assieme alla connazionale Elaine Thompson. Insomma, non è detto che a Padova non possa migliorarsi ancora e riscrivere il record della pista. Per il resto, a chiarire quale sia il suo peso nella storia dell’atletica leggera basta il palmares: 6 medaglie olimpiche, fra cui 2 d’oro, 10 medaglie mondiali (fra cui 7 d’oro). Fraser-Pryce è arrivata a 27 centesimi dal record del mondo sui 100 metri, stabilito nel 1988 dalla statunitense Florence Griffith-Joyner. È nata a Kingston, la capitale della Giamaica, il 27 dicembre 1986. Ha ottenuto la prima vittoria importante della sua carriera nel 2008, quando s’impose nei 100 metri ai Giochi di Pechino. Negli anni successivi, maternità a parte, non si è più fermata, dominando le scene internazionali. E ora è pronta a tornare a Padova, sui blocchi alle ore 20.55, nell’ultima gara di questa XXXIII edizione. Quando si dice: dulcis in fundo.

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

  • Dall'assegno pre-natale agli asili nido gratis: nuova legge quadro per le famiglie in Veneto

I più letti della settimana

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Spaventoso incidente al semaforo: tre feriti, due sono bambini. Auto distrutte

Torna su
PadovaOggi è in caricamento