All’Argos Petrarca Rugby arriva Angelo Leaupepe, il nuovo trequarti australiano

Con lo scopo di migliorare la rosa con giocatori giovani, spiega il direttore generale Beppe Artuso, approda nella squadra patavina il centro o ala di un metro e 94 per 105 chili. È nato a Redcliffe (Queensland, Australia) e vuole essere pronto al più presto

Angelo Leaupepe

È arrivato nella mattinata dell’8 gennaio a Padova Angelo Leaupepe, il nuovo giocatore dell’Argos Petrarca Rugby. Centro o ala di un metro e 94 per 105 chili, è nato a Redcliffe (Queensland, Australia) il 29 luglio 1997, ma è cresciuto in Nuova Zelanda (ha passaporto neozelandese) prima di trasferirsi a Melbourne con la famiglia a dieci anni. È il più vecchio di sette fratelli, ci sono vent’anni di differenza tra lui e il più giovane. Arriva al Rugby Union dopo alcuni anni di Rugby League (a 13). Fa parte della Melbourne Storm Academy di Rugby League, e dopo 3 anni passa al Rugby a 15, quando la franchigia dei Melbourne Rebels arriva ad allenarsi proprio vicino ai campi del League, e Angelo, incuriosito, cambia disciplina.

Fisicamente forte, potente e un placcatore “ruvido”

«All’inizio non è stato facile», spiega, «poi sono entrato bene nella mentalità del Rugby Union». Dopo la stagione 2015/2016 con i Melbourne Storm (League), nel 2017 e 2018 si fa notare con i Rising (Rugby a 15, club di Melbourne), scelti dal giocatore per poter rimanere vicino alla famiglia, cui è molto legato, e agli amici. Il campionato di club, vinto, si chiama NRC. Nel 2017 è stato convocato anche per la Nazionale australiana Under 20. Inizia a giocare in Nuova Zelanda, poi passa al League quando si trasferisce in Australia. Negli ultimi mesi ha fatto la prestagione con i Melbourne Rebels, franchigia di Super Rugby. Le sue caratteristiche sono quelle di essere fisicamente forte, potente e un placcatore “ruvido”.

A disposizione dell’allenatore

«Amo l’Italia, non ci sono mai stato, ma so che è un Paese bellissimo, e quindi sono felice di essere qui. È la mia prima volta in Europa, spero davvero di essere utile alla squadra. Il mio ruolo preferito? Secondo centro, numero 13, ma sono a disposizione dell’allenatore. Ho guardato le partite del Petrarca, voglio essere pronto al più presto, e poi sono rimasto impressionato dagli impianti, stupendi. Il nome italiano? Piaceva ai miei genitori, è bellissimo. Doveva arrivare una femmina, Angela, invece sono arrivato io e il nome è stato cambiato al maschile. In famiglia siamo tre sorelle e quattro fratelli».

Migliorare la rosa con giocatori giovani

Il club: «La società è andata sul mercato per completare la rosa in base anche alle necessità e alle richieste degli allenatori», spiega il direttore generale Beppe Artuso. «Non abbiamo ancora finito però: siamo alla ricerca anche di un altro giocatore, speriamo arrivi presto. La scelta di Leaupepe, che abbiamo avuto modo di seguire negli ultimi mesi, è stata fatta allo scopo di migliorare la rosa con giocatori giovani», spiega il D.S. del Petrarca, Corrado Covi. «Lui ha 21 anni e un buon prospetto per il futuro. Angelo è nella rosa dei Rebels e ha le caratteristiche fisiche e di gioco che noi cercavamo. Farà questi cinque mesi con noi, speriamo con un buon rendimento».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio all'interno di una palazzina di Mestrino: salvato un bambino di sei anni

  • Cronaca

    Impresa di Paolo Venturini nella remota Russia: 39 chilometri a -52 gradi

  • Cronaca

    Minacciano con un coltello il cuoco: denunciati due 17enni in comunità

  • Sport

    Volley serie A, Dalle stalle alle stelle: la Kioene arranca ma poi travolge Monza

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in Romagna: la terra trema anche in tutto il padovano

  • Gravissimo incidente nell'Alta: le vittime sono due anziani fratelli, morti tra le lamiere

  • Investimento mortale in stazione, treni in tilt: ritardi fino a tre ore su tutta la linea

  • Tremendo schianto auto-camion: morto il sommelier padovano dell'Antico Brolo

  • Tragedia sul lavoro: investito dal collega, muore dopo la disperata corsa all'ospedale

  • De Leo-Tindaci, il mistero delle foto a 14 anni dall'incidente. La famiglia di Mattia vuole la verità

Torna su
PadovaOggi è in caricamento