menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Credits: Pexels

Credits: Pexels

Perché il Chow Chow ha la lingua blu

Il Chow Chow è una razza di cane davvero particolare. Scopriamo tutto su questo pet originario della Cina

Il Chow Chow è una razza proveniente dalla Cina. Si tratta di un cane molto particolare, perché ha una lingua davvero caratteristica dal colore blu/viola.

Ma non è tutto, perché anche il suo aspetto fisico è molto originale e diverso dal resto dei cani; infatti, possiamo definire il Chow Chow un piccolo leone perché è molto peloso, ed è caratterizzato da una sorta di criniera. A livello caratteriale, invece, è un pet molto pacifico e tranquillo. 

Ma perché questo cane ha la lingua colorata? Scopriamolo insieme!

La lingua bl u del Chow Chow da cosa dipende

La lingua del Chow Chow è blu o viola per la presenza di pigmenti sulla lingua stessa del pet.

Questo esemplare non nasce con la lingua colorata, ma lo diventa a partire da 2 o 3 mesi; ne deriva che se la lingua non si colora dopo i 3 mesi, si ha a che fare con un pet non di razza pura.

Secondo alcuni studi, inoltre, il Chow Chow discende dall'Hemicyon, un genere di mammiferi a metà tra cani e orsi, ormai estinti; un altro elemento che sostiene questa teoria è che questo esemplare di cane ha 44 denti, invece di 42, proprio come gli orsi.

Tuttavia, si tratterebbe solo di coincidenze in quanto al momento non vi sono prove scientifiche a supportare questa ipotesi. 

Miti e credenze sul Chow Chow

I Chow Chow arrivano dalla Cina e, infatti, vivevano nei templi buddisti come cani da guardia.

Intorno alla loro figura vi sono vari miti e leggende; ad esempio, si racconta che durante un giorno di inverno un monaco buddhista si ammalò e, non potendo uscire a recuperare la legna per accendere il fuoco,  i Chow Chow per aiutarlo andarono nel bosco in cerca della legna. 

Purtroppo trovarono solo pezzi di legno già carbonizzati; li portarono al monaco tenendoli in bocca e secondo la leggenda la loro lingua si divenne bluastra proprio a causa del colore nero della legna carbonizzata.

Un altro mito, invece, è legato al Buddha; si narra che quest'ultimo decise di dipingere il cielo di blu e il Chow Chow che era al suo fianco, con la lingua, leccò tutte le gocce di colore che cadevano a terra. Da quel dì, la lingua del pet assunse questo colore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento