Attualità

Il 1 maggio della Acli dedicato ai precari e ai senza lavoro

Pace, lavoro e dignità: con queste parole le Acli padovane chiamano a raccolta la cittadinanza e i propri iscritti per celebrare il Primo Maggio

Le ACLI di Padova vogliono dedicare questo primo maggio a tutti quelli che non hanno un lavoro ed in particolare alle giovani generazioni che da molti decenni soffrono di prolungati periodi di attesa prima di potersi inserire in una occupazione. Questa situazione condiziona pesantemente la vita sociale di milioni di persone e di molte famiglie, impedisce all’Italia di intraprendere con slancio la via dello sviluppo, aumenta pesantemente le diseguaglianze, soprattutto quelle generazionali.

PNRR

«La nuova stagione all’insegna del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza deve diventare l’occasione per superare questo pesante squilibrio, ridonando alle giovani generazioni una consapevole speranza per il proprio futuro. Viviamo un periodo tragico per l’Europa e l’intera umanità a causa dell’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina. Solo impegnandoci a costruire un nuovo futuro all’insegna di una comunità unita dal lavoro sapremo affrontare le sfide epocali del presente che chiedono di ridisegnare un mondo veramente fondato sul rispetto del diritto internazionale e sulla esclusione dalle relazioni economiche di tutti quei paesi che fanno della guerra e dell’aggressione strumenti di supremazia. Raggiungere la pace è il traguardo dell’intero mondo del lavoro, ma la pace non può che essere basata sulla libertà, sul diritto e sulla giustizia. Mettere al centro il lavoro potrà concorrere a costruire più giustizia sociale e concorrere alla costruzione di una pace universale e duratura».

Pace

Le ACLI di Padova evidenziano come in gioco c’è molto di più del progresso economico e del benessere. «Questa guerra di aggressione nel cuore dell’Europa pone fine alla stagione in cui il business ha sopravanzato ogni ragione politica. Tutti gli Stati e le società sono chiamati ad agire guidando le relazioni economiche internazionali attraverso i valori irrinunciabili della democrazia e nel rispetto della libertà e della dignità di tutti i lavoratori». Pace, lavoro e dignità: con queste parole le Acli padovane chiamano a raccolta la cittadinanza e i propri iscritti per celebrare il Primo Maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 1 maggio della Acli dedicato ai precari e ai senza lavoro
PadovaOggi è in caricamento