14 giugno, “Giornata mondiale del donatore di sangue”

In Veneto sono 130 mila i donatori iscritti all’Avis e oggi più che mai la donazione avviene in ambiente protetto, rispettando tutte le disposizioni di sicurezza e i protocolli del Centro nazionale sangue e del Crat Veneto

Oggi è la “Giornata mondiale del donatore di sangue”, istituita dall’Oms per ringraziare tutti i donatori. Si celebra nel giorno della nascita di Karl Landesteiner che nel 1900 identificò i gruppi sanguigni A B e 0 e nel 1940 (con Alexander S. Wiener) il fattore Rh-Rhesus. Avis regionale Veneto rivolge a tutti i suoi donatori, che hanno saputo dimostrare grande generosità in questo delicato periodo, un sincero ringraziamento e un invito a continuare a donare con regolarità.

Donatori

«I donatori hanno risposto con enorme generosità agli appelli all’inizio dell’epidemia, permettendo ai nostri ospedali di avere sufficienti scorte di sangue per malati ed emergenze nelle settimane di quarantena e permettendo alla nostra associazione di avere un alto numero di nuovi iscritti, per la maggior parte giovani – spiega il presidente Avis regionale, Giorgio Brunello – Grazie davvero a tutti! Ora serve rimettere la marcia perché con la ripresa di tutte le attività ospedaliere e sanitarie aumentano le  richieste di sangue e plasma degli ospedali».

Volontari

Un gesto volontario importante, la donazione, perché sangue intero e suoi componenti, plasma e plasmaderivati rivestono un ruolo fondamentale in situazioni di primo soccorso ed emergenza/urgenza, interventi chirurgici, trapianti di organi, tessuti e midollo osseo, malattie oncologiche ed ematologiche, anemie, ustioni, emofilia, immunodeficienze, ustioni,  patologie del fegato e molto altro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sangue

«Il sistema sangue italiano è un’eccellenza mondiale di cui andare orgogliosi – dichiara il presidente Avis Veneto Giorgio Brunello – Il sangue è un bene pubblico, sul quale non vi è alcuna speculazione e garantisce la massima sicurezza sia per i donatori che per i riceventi». In Veneto sono 130 mila i donatori iscritti all’Avis e oggi più che mai la donazione avviene in ambiente protetto, rispettando tutte le disposizioni di sicurezza e i protocolli del Centro nazionale sangue e del Crat Veneto. Per i cittadini che volessero avvicinarsi al dono per la prima volta, l’invito è a contattare le Avis provinciali o la segreteria di Avis regionale Veneto (0422 405088), per tutte le informazioni sull’iter da seguire. Sito www.avisveneto.it e pagina Facebook Avis Regionale Veneto Odv

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento