World Social Agenda: 2 mila studenti padovani impegnati a tutela dell'ambiente

Nel programma sono state coinvolte 33 scuole della provincia tra elementari, medie e superiori: più di 2mila studenti, e 126 insegnanti. Realizzati 16 video - giornali e 80 inchieste

Non è sola Greta Thunberg, al suo fianco ci sono migliaia di studenti padovani che si impegnano in prima persona per la tutela dell’ambiente. Ragazzi e ragazze che hanno studiato durante l’anno insieme ai propri professori un percorso in cui si affronta il delicato tema della salvaguardia e della gestione sostenibile delle risorse. Un’analisi attenta sulle principali criticità ambientali del territorio padovano e veneto.

33 scuole

Nel programma sono state coinvolte 33 scuole della provincia di Padova tra elementari, medie e superiori, più di 2mila studenti, 126 insegnanti, sono stati realizzati 16 telegiornali e 80 inchieste. Questi sono solo alcuni dei numeri del progetto World Social Agenda della Fondazione Fontana Onlus. Un percorso che si aggancia ai nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dall’Onu. Gli alunni e le alunnepadovani hanno accettato la sfida della sostenibilità che le Nazioni Unite hanno deciso di lanciare al mondo intero. Sulle orme di Greta si sono impegnati e hanno cercato di interpretare a loro modo la necessità che abbiamo di cambiare il nostro approccio alle tematiche ambientali. 

Tg

Il progetto, unico in Italia nel suo genere, ha prodotto come risultati dei notiziari realizzati nel corso dell’anno dagli studenti delle scuole superiori con il supporto del regista Marco Zuin.Sono sedici telegiornali con tanto di sigla, titoli, giornalista in studio e inchieste degli inviati. I ragazzi si sono immedesimati perfettamente nella parte del reporter studiando, fotografando e analizzando alcuni dei problemi che ci riguardano da vicino.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Tra i temi toccati dai giovani giornalisti ci sono il problema PFAS, il ciclone Vaia e la devastazione dei monti bellunesi e dell’Altopiano, il consumo del suolo e lo spreco di cibo ma anche criticità locali come il progetto del nuovo centro commerciale di Due Carrare, il futuro dell’area ex Grosoli a Cadoneghe, l’ex seminario di Tencarola, l’ex cartiera di Roncajette e il Gas Radon sui Colli Euganei. 

World Social Agenda

La consapevolezza maturata nel corso di quest’anno scolastico è che il pianeta deve essere protetto dal degrado attraverso un consumo ed una produzione consapevoli, gestendo le sue risorse naturali in maniera sostenibile, in modo che esso possa soddisfare i bisogni delle generazioni presenti e di quelle future. «La partecipazione e il coinvolgimento dei ragazzi è stato sorprendente, il tema è sentito da tutti e tutti vogliono dare il proprio contributo. Si passa dalle piccole azioni quotidiane alle domande che ci si pone sui temi globali» sostiene Sara Bin, responsabile del progetto World Social Agenda. «Greta Thunberg ha aperto sicuramente la strada e ha colpito nel segno. Ci dà enorme soddisfazione il fatto che molti ragazzi vogliano seguirla e impegnarsi per tutelare il nostro territorio». 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

Torna su
PadovaOggi è in caricamento