Il prof Crisanti: «Il piano della Regione contro il Covid? Prima dei tamponi a Vo' non esisteva»

«Se non fossimo stati fermati l’11 febbraio avremmo intercettato i cinesi infettati e la storia della pandemia in Regione sarebbe stata molto diversa», ha dichiarato a Primus Inter Pares su Tv7Triveneta

Il professor Andrea Crisanti è stato ospite su Tv7 Triveneta di Primus Inter Pares. Una lunga intervista condotta dal direttore della testata, Giorgio Borile in cui si è ripercorsa tutta la vicenda della diffusione della pandemia in Veneto.

Modello Veneto

«Il successo del Veneto è stato quello di tantissime persone. Però non mi si può smentire se affermo che se non ci avessero fermati dal fare i tamponi a coloro che tornavano dalla Cina, azione concordata con l’Università, la storia sarebbe stata certamente diversa. Il caso dell’aereo di ritorno dal Bangladesh di questi giorni conferma che quel principio era giusto, avevamo ragione. Il tampone come presidio attivo era una intuizione giusta. Se non fossimo stati fermati l’11 febbraio avremmo intercettato i cinesi infettati e la storia della pandemia in Regione sarebbe stata molto diversa». Alla domanda del perché è stato fermato risponde secco: «Non era previsto dalle direttive». 

Piano

La polemica esplosa rispetto a un piano che secondo Zaia esisteva e secondo Crisanti no, è ancora tema di dibattito e Borile non risparmia le domande: «Il piano della Regione Veneto cambia dopo la raccolta dei risultati dei tamponi a Vo’ il 17 marzo con la delibera della Regione. Prima di quella data non c’era l’idea di utilizzare i tamponi come sorveglianza attiva. Il 21 febbraio Zaia autorizza i tamponi a Vo’, decisione che ha preso sull’onda dell’emergenza, senza comprenderne le esigenze scientifiche. Il 6 marzo scopriamo che gli asintomatici sono infettivi. Così nasce il modello Veneto, nessuno lo potrà smentire».

Zaia

Alla domanda del perché Zaia abbia voluto sminuire la sua figura a un certo punto, il professor Crisanti risponde così: «Penso che ogni politico poi vuole incassare il merito, che ha avuto perché mi ha dato retta, ma non capisco perché ha voluto a un certo punto ridimensionare il mio ruolo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

borile crisanti-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

  • Violento schianto contro il palo della luce: guidatrice trasportata in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento