Doppia nomina: due eccellenze patavine entrano nell'Accademia dei Lincei

Si tratta di Roberto Ragazzoni, attuale direttore dell’Osservatorio Astronomico di Padova, e Andrea Rinaldo, ordinario di Costruzioni idrauliche all'Università di Padova

Sono due le nomine padovane all'Accademia Nazionale dei Lincei: si tratta di Roberto Ragazzoni e di Andrea Rinaldo.

Roberto Ragazzoni

Laureato all’Ateneo patavino, membro dell’Accademia Galileiana di Scienze, Lettere e Arti della città e attuale direttore dell’Osservatorio Astronomico di Padova, Roberto Ragazzoni è stato nominato nuovo socio presso l’Accademia Nazionale dei Lincei per la categoria di Astronomia e applicazioni della Classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali. Con oltre vent’anni di carriera, l’astronomo veneziano ha contribuito allo sviluppo scientifico e tecnologico dell’Astronomia osservativa. Tra i risultati maggiori della sua attività di ricerca, l’invenzione di nuovi tipi di sensori utilizzati oggi nei maggiori osservatori astronomici del mondo. Questa tecnica, chiamata anche ottica adattiva, utilizzata per compensare la distorsione dell’immagine dovuta alla turbolenza atmosferica già gli valse, tra i molti riconoscimenti, il Premio Wolfgang Paul della fondazione Humboldt in Germania nel 2000 e il Premio Feltrinelli per l’Astronomia nel 2016 proprio dalla stessa Accademia dei Lincei. Attivissimo anche nello sviluppo di telescopi a largo campo, sia da terra che dallo spazio, è coinvolto in diverse missioni dell’Agenzia Spaziale Europea. «Sono lusingato da questo riconoscimento che devo a tutti i miei maestri e ai miei collaboratori, una nomina individuale ma che premia un lavoro di squadra sempre più importante nello sviluppo dell’astronomia del futuro», ha commentato Ragazzoni.

Andrea Rinaldo

Andrea Rinaldo, invece, è ordinario di Costruzioni idrauliche all'Università di Padova e direttore del Laboratory of Ecohydrology dell'Ècole Polytechnique Fédérale de Lausanne. È stato nominato nuovo Linceo per la categoria Matematica, Meccanica e applicazioni. Piene, siccità e una giusta distribuzione dell'acqua sono i temi dei suoi studi, sia teorici che sperimentali; studi riconducibili all'idrologia, alla geomorfologia fluviale, all'ecologia e alle scienze ambientali e riguardano controlli idrologici sulle comunità vive. Tra questi: applicazioni della matematica ed esperimenti sul ruolo ecologico di substrati dendritici per il mantenimento della biodiversità; epidemiologia ed ecologia matematica di epidemie di colera; studi teorico/sperimentali della diffusione di bilarzosi endemica in Burkina Faso e di epidemie di malattie renali proliferative nei pesci d'acqua dolce. Fra i riconoscimenti, i premi Gatto e Tartufari dei Lincei, la Dalton Medal dell'EGU, il Prince Abdullaziz International Water Prize, lo Hydrologic Sciences Award dell'AGU, le elezioni nella Royal Swedish Academy of Sciences, e nelle National Academy of Engineering e National Academy of Sciences americane. 

Accademia Nazionale dei Lincei

L’Accademia Nazionale dei Lincei è una delle più antiche e celebri istituzioni accademiche esistenti. Fondata nel 1603 da Federico Cesi, annovera tra i suoi soci Galileo Galilei, Giovanni Battista Della Porta e in epoca moderna, Quintino Sella e Vito Volterra. Tra gli attuali soci astronomi Francesco Bertola, decano degli astronomi dell’Università degli Studi di Padova, e Alvio Renzini, associato all’INAF patavino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gravissimo incidente, esce di strada e si schianta nel fosso: muore un 56enne

  • «Bisogna mozzargli mani e piedi»: minacce via Facebook al sindaco di Cadoneghe

  • Si getta sui binari alla stazione di Padova: treni in tilt all'alba di lunedì

  • Scoperti due boss dello spaccio nella Bassa: i clienti per proteggerli finiscono denunciati

  • Infarto durante l'ora di lezione a scuola: grave una studentessa di 14 anni

  • Auto a fuoco mentre percorre la tangenziale: paura e traffico in corso Australia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento