rotate-mobile
Attualità

Otto veneti nominati Alfieri della Repubblica da Sergio Mattarella: tra loro anche due padovani

Sono Sofia Ferrarese di Brugine per aver promosso la conoscenza della montagna e il rispetto della natura, lavorando al ripristino dei sentieri danneggiati dalla tempesta Vaia, e Antonio Maria Granieri di Vigonza per essere diventato testimone di socialità e amicizia nelle attività dell’associazione Down Dadi di Padova

«Veri esempi di impegno civico, gli Alfieri della Repubblica veneti, insigniti oggi al Quirinale, sono l’immagine della nostra regione, del suo futuro, di quello spirito di solidarietà che è proprio della nostra gente. Mi congratulo con loro e riconfermo tutto l’apprezzamento e l’ammirazione per lo spirito di volontariato che testimoniano quotidianamente, dimostrandosi un modello per tutti i cittadini». Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, esprime il suo plauso per gli 8 giovani veneti che, nominati Alfieri della Repubblica negli anni 2019, 2020 e 2021, hanno ricevuto al Quirinale l’attestato d’onore dal Capo dello Stato.

Luca Zaia

«A leggere le motivazioni delle concessioni - sottolinea Zaia - emerge un mondo variegato di attività spontanee e volontaristiche che non solo fa onore a questi ragazzi ma sottolinea come l’intraprendenza e l’attenzione al sociale, che da sempre sono caratteristiche dei veneti, trovano continuità nelle nuove generazioni. Sono certo che il titolo ricevuto da questi giovani sarà una ulteriore spinta a insistere nell’impegno a favore della società. Come amo spesso ripetere, tra i giovani di oggi c’è chi sarà domani un professore universitario, presidente della Regione, professionista affermato o comunque un lavoratore impegnato in mille altri ruoli; questi Alfieri rappresentano tantissimi loro coetanei e ci assicurano che il nostro futuro è in ottime mani».

Alfieri della Repubblica

La pattuglia di Alfieri della Repubblica del Veneto è così composta:

  • Sofia Ferrarese di Brugine (PD) per aver promosso la conoscenza della montagna e il rispetto della natura, lavorando al ripristino dei sentieri danneggiati dalla tempesta Vaia. (2019)
  • Antonio Maria Granieri di Vigonza (PD), per essere diventato testimone di socialità e amicizia nelle attività dell’associazione Down Dadi di Padova. (2020)
  • Pietro Zuccotti di Peschiera del Garda (VR) per il talento e la dedizione nella promozione del territorio, il rispetto dell’ambiente e nel far crescere il senso civico tra i giovani. (2019)
  • Nicolò Brizzolari di Rovigo, per il senso civico dimostrato a favore degli anziani e nell’impegno sui temi ambientali. (2020)
  • Francis Fernando Chkrawarthige Praveen di Pove del Grappa (VI), per la generosità e la sensibilità con cui si dedica al volontariato degli anziani, dei più poveri e dei pèiù svantaggiati. (2020)
  • Alice Andreanelli di Venezia, per la sua opera di volontaria nelle operazioni di soccorso a Venezia durante l’emergenza provocata dall’acqua alta. (2019)
  • Mattia Piccoli di Concordia Sagittaria (VE), per l’amore e la cura con cui segue quotidianamente la malattia del padre e aiuta a contrastarla. (2020)
  • Andrea Pigato, di Romano d’Ezzelino (VI), per il talento dimostrato nella giocoleria e per aver dimostrato come una malattia può essere trasformata in un’occasione di crescita e di socialità. (2021)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otto veneti nominati Alfieri della Repubblica da Sergio Mattarella: tra loro anche due padovani

PadovaOggi è in caricamento