Maltempo, emergenza anche nella Bassa: allagati centinaia di ettari di coltivazioni

A mollo i tunnel con le piantine di angurie, meloni, zucche e zucchine, sott’acqua i campi di cereali, dal frumento al mais, ma anche barbabietole e vigneti: lavori di semina e trapianto paralizzati nel pieno della stagione

Emergenza allagamenti nei campi della Bassa Padovana

Agricoltura a mollo in tutta la provincia, ma è nella Bassa Padovana la situazione più critica di questi giorni. Sono centinaia gli ettari di coltivazioni allagate, e Coldiretti Padova sta raccogliendo decine di segnalazioni: a mollo i tunnel con le piantine di angurie, meloni, zucche e zucchine, sott’acqua i campi di cereali, dal frumento al mais, ma anche barbabietole e vigneti. Dopo gli accumuli di domenica l’acqua sta defluendo grazie alla rete di scolo e ai canali di bonifica in grado di “ricevere”. Le ultime a tornare all’asciutto saranno le aree vallive ma per giorni e giorni i terreni saranno impraticabili.

Gli allagamenti

Gli allagamenti hanno interessato una vasta area sud di Este e Montagnana, fino all’Adige, in particolare a Barbona, Sant’Urbano, Vighizzolo, Piacenza d’Adige, Borgo Veneto, Casale di Scodosia. Centinaia gli agricoltori in apprensione per la sorte delle principali e più diffuse colture della zona, dagli ortaggi ai seminativi. Le previsioni purtroppo non sono delle migliori e le precipitazioni dei prossimi giorni da una parte renderanno quasi impossibili i lavori nei campi e, dall’altra, gettano una pesante incognita sull’entità e la qualità del raccolto, con evidenti ripercussioni sul reddito di centinaia di imprese agricole. Nei campi allagati, spiega Coldiretti Padova, è impossibile entrare per effettuare le necessarie operazioni colturali mentre dove si è già seminato i germogli e le piantine soffocano per la troppa acqua. Anche Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova, è alle prese con gli allagamenti nella sua azienda agricola di Santa Margherita d’Adige a Borgo Veneto: «L’acqua sta defluendo abbastanza rapidamente, anche se ci vorrà un po’ di più nelle zone vallive, ma ci vorranno giorni prima di poter entrare in campagna, soprattutto con i mezzi agricoli necessari per le lavorazioni. Questa è la stagione delle semine e dei trapianti, è il periodo in cui le piantine dovrebbero germogliare e crescere, se invece finiscono sotto acqua è un problema perché possono soffocare o si possono sviluppare marciumi e altre malattie che rischiano di compromettere il raccolto. Ormai non è più il singolo evento atmosferico in sé a preoccuparci, ma la somma di effetti climatici che si traduce in un’alternanza di fenomeni che si ripercuotono sull’agricoltura. Prima la siccità invernale, poi il caldo di inizio primavera, ora le precipitazioni abbondanti. E noi agricoltori siamo sempre in prima linea».

allagamento bassa19-2

Casi diffusi di "cascola"

A preoccupare sono, oltre agli allagamenti, anche il rischio di grandinate o di vento forte. Come sottolinea Coldiretti Padova tra frutteti della bassa padovana si registrano - in particolare nelle colture del pero - casi diffusi di cascola, ovvero quel fenomeno legato alle avversità con cui le piante fanno cadere i frutti ancora immaturi. «In alcune varietà di pero - spiega Graziano Balbo, presidente della Cooperativa Frutta di Castelbaldo - si erano sviluppate già poche gemme a causa del maltempo dello scorso anno, ora le piogge in fase di fioritura alternate a sbalzi di temperatura hanno portato anche alla comparsa di malattie fungine quindi le piante sono entrate in stress proprio nel periodo più critico. Mediamente quest’anno stimiamo un 50 per cento in meno del prodotto, con punte del 70 per cento sulle varietà più colpite. Ad incidere negativamente c’è anche l’attacco della cimice asiatica che ci aspettiamo nei prossimi mesi».

Pere

La coltivazione di pere a Padova interessa una superficie di circa 380 ettari, quasi tutti nella Bassa Padovana, con una produzione di 86 mila quintali e un volume d’affari intorno agli 8,6 milioni di euro. Il maltempo dunque potrebbe presentare un conto milionario per l’agricoltura padovana con ripercussioni a lungo termine. Coldiretti Padova sta raccogliendo tutte le informazioni utili da girare ad Avepa per i successivi provvedimenti in ordine allo stato di calamità e per l’eventuale attivazione del fondo di solidarietà nazionale, in modo da coprire anche le casistiche non assicurabili. L’eccezionalità degli eventi atmosferici, ricorda Coldiretti Padova, è ormai la norma, tanto da aver condizionato nell’ultimo decennio la redditività del settore agricolo, con perdite dovute a calamità naturali che hanno assunto un carattere ricorrente e imprevedibile. Gli agricoltori, da sempre preparati a fare i conti con il meteo, sono le prime sentinelle di un equilibrio ormai compromesso, di segnali che non possono essere sottovalutati.

allagamento vigneto19-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento