rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Attualità

Alta velocità, incontro a Palazzo Moroni: entro aprile pronto il "piano regolatore" dei binari

Obiettivo dell’incontro, il punto sullo stato di avanzamento della progettazione della nuova linea ferroviaria in arrivo da Vicenza e il suo innesto nel nodo di Padova

Si è svolta oggi 2 febbraio a Palazzo Moroni, al termine della cerimonia di posa della prima pietra del nuovo ponte ferroviario sul Brenta a Vigodarzere alla presenza del presidente della Regione Luca Zaia, una riunione dedicata alla nuova linea Alta Velocità-Alta Capacità in arrivo da Vicenza e al nuovo assetto della Stazione di Padova. Alla riunione hanno partecipato il sindaco di Padova Sergio Giordani, affiancato dal vicesindaco Andrea Micalizzi (che ha anche la delega ai lavori pubblici), e dall’assessore alla mobilità Andrea Ragona,  la vicepresidente della Regione Veneto Elisa De Berti e il Commissario Straordinario per il progetto AV-AC Brescia –Padova ingegner Vincenzo Macello di Rete Ferroviaria Italiana.  Al tavolo anche i tecnici del Comune, della Regione e di RFI interessati alla progettazione delle opere. Obiettivo dell’incontro, il punto sullo stato di avanzamento della progettazione della nuova linea ferroviaria AV-AC in arrivo da Vicenza e il suo innesto nel nodo di Padova. 

Il progetto

Questa parte di progettazione sarà pronta entro il prossimo mese di aprile e riguarda il “piano regolatore” dei binari della stazione di Padova. I nuovi binari dell’Alta Velocità infatti saranno collocati nella parte nord della stazione (dove adesso sono presenti i binari dall’8 all’11) per permettere poi un collegamento immediato con la linea AV-AC  Padova-Mestre già in servizio. In particolare bisognerà garantire che i collegamenti AV per Milano e per Bologna non interferiscano con i binari della linea storica e quelli per Camposampiero/ Castelfranco/Belluno. La soluzione allo studio prevede un tratto che scenda sotto il piano campagna in galleria artificiale a Y per realizzare la connessione tra le due linee ed evitare ogni interferenza con quelle esistenti. I binari dell’Alta Velocità risaliranno poi al livello degli altri in ingresso della stazione di Padova. Come già previsto il riordino del piano binari della stazione prevede anche la demolizione e la ricostruzione del Cavalcavia Borgomagno.  

La stazione

Per quanto riguarda invece la Stazione e il suo inserimento nel tessuto urbano il progetto allo studio - che sarà pronto entro sei mesi - prevede come già ampiamente anticipato una funzione di “ricucitura”  tra l’ Arcella e il Centro città con due accessi uno a nord e uno a sud di pari importanza. La progettazione in corso si inserisce ed è in accordo sia con il Masterplan dell’area della Stazione sviluppato dall’architetto Stefano Boeri con Mate Engineering e approvato dal Comune, che del nuovo Piano Regolatore di Stazione che riguarda la parte più strettamente ferroviaria degli interventi. Il percorso per l’arrivo dell’Alta Velocità – Alta Capacità e il rifacimento della Stazione di Padova prosegue quindi secondo i piani e si conferma come un elemento fondamentale nella costruzione della mobilità del futuro per la città di Padova che rafforza il suo ruolo di nodo strategico della rete ferroviaria nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta velocità, incontro a Palazzo Moroni: entro aprile pronto il "piano regolatore" dei binari

PadovaOggi è in caricamento