rotate-mobile
Attualità

Antonio il “Super Eroe della Bontà”: è tra i 28 "Alfieri della Repubblica"

Sempre pronto e disponibile per incentivare tra i compagni percorsi di aiuto e di autonomia, per mettersi a disposizione degli altri. Fa parte della nota associazione Down Dadi

Antonio è un giovane di 17 anni con sindrome di Down, molto attivo nella associazione Down Dadi di Padova. Sempre pronto e disponibile per incentivare tra i compagni percorsi di aiuto e di autonomia, per mettersi a disposizione degli altri. Nella sua carta d’identità alla voce segni particolari lo spazio è vuoto, ma Antonio si diverte così: “il mio segno particolare è la Sindrome di Down”. E' tra i 28 giovani nominati giovedì dal presidente Sergio Mattarella "Alfieri della Repubblica".

La consapevolezza

«Rappresentano l’espressione migliore del nostro Paese, l’Italia dell'altruismo che ha saputo reagire alle difficoltà della pandemia con forza e generosità, alleviando la sofferenza dei più fragili. Le loro storie di coraggio sono un esempio per tutti che non deve essere dimenticato». Lo ha dichiarato il Presidente del Senato Elisabetta Casellati. Certo Antonio è consapevole che essere Down lo accompagnerà e che resterà per sempre, ma è un segno che porta con fierezza perché ciò che per altri adolescenti è percepito come un terribile stigma, una insanabile  diversità che li allontanerebbe dalle Vite più spericolate dei coetanei, dall’avere lo scooter potente, dalle ragazze più carine, per Antonio è un Punto di forza per raggiungere il suo sogno: “Essere il super eroe della Bontà”. E’ forte, curioso e impavido circa la sua vita e quello che è il suo presente. Anche se non conosce ancora cosa esattamente il futuro potrà essere per lui, non si tira indietro ma sa che attraverso il suo impegno, la sua determinazione otterrà ciò che è meglio per lui ed i suoi amici. Antonio è un ragazzo allegro, solare, con il sorriso sempre stampato sulle labbra. Un sorriso contagioso che fa di lui una persona indispensabile per i suoi familiari, amici e compagni. E’ un ragazzo empatico, in grado di mettersi nei panni dell’altro e “dare una mano”.

I complimenti

«Questo riconoscimento è anche vostro e di tutta la famiglia per l’amore con cui vivete la vostra realtà e per la quale vi faccio i miei più sentiti complimenti e ringraziamenti a nome di tutti i cittadini di Vigonza che ho l’onore di rappresentare. Pensare che Antonio Maria punti al benessere degli altri è un comportamento che ci indica una buona strada e deve fare molto riflettere», ha detto il sindaco Innocente Marangon.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antonio il “Super Eroe della Bontà”: è tra i 28 "Alfieri della Repubblica"

PadovaOggi è in caricamento