Viabilità, apre l'importante e attesa circonvallazione "a cavallo" tra Padova e Venezia

Dalla mattinata di mercoledì primo luglio sarà percorribile la nuova circonvallazione di Bojon, nel comune di Campolongo Maggiore (Venezia)

Il sottopasso della nuova circonvallazione di Bojon

Dalla mattinata di mercoledì primo luglio sarà percorribile la nuova circonvallazione di Bojon, nel comune di Campolongo Maggiore (Venezia). Ne dà notizia l’assessore regionale alle Infrastrutture Elisa de Berti, dopo che lunedì 29 giugno è stato firmato il verbale di consegna di Infrastrutture Venete S.r.l. (società regionale che ha realizzato i lavori della variante) alla Città Metropolitana di Venezia e al Comune di Campolongo Maggiore.

Circonvallazione

Sottolinea l'assessore De Berti: «Si tratta di un intervento infrastrutturale atteso da almeno un quindicennio, che potrà liberare il centro dell’abitato da parte del traffico di attraversamento utilizzando un nuovo sottopasso della linea ferroviaria Mestre-Adria. L’apertura del nuovo sottopasso consentirà di ridurre il traffico in corrispondenza del passaggio a livello su via Villa, eliminando code e congestione veicolare. Con la realizzazione del chilometro e mezzo di variante alla strada provinciale 14 vanno a frutto tanti sforzi economici e tecnici, sia da parte della Regione che di Infrastrutture Venete, della Città Metropolitana e del Comune di Campolongo per dare piena funzionalità all’intervento, dopo anni di attesa e di cantieri aperti». La Regione Veneto, che nel 2005 aveva sottoscritto con Sistemi Territoriali S.p.A. (ora Infrastrutture Venete S.r.l.), Provincia di Venezia (ora Città Metropolitana) e Comune di Campolongo Maggiore l’accordo di programma sulle azioni da intraprendere per ammodernare la linea ferroviaria Adria-Mestre ed eliminare i passaggi a livelli, ha cofinanziato la circonvallazione di Bojon con 5,8 milioni di euro. Aggiunge l'assessore: «Il nostro intervento infrastrutturale, pur essendo pienamente funzionale, non si ferma qui. La nuova circonvallazione sarà completata nella sua parte terminale con l’attraversamento di un’area dove alcuni anni fa è stata trovata una discarica abusiva. Il Comune di Campolongo sta conducendo indagini sul terreno per poi procedere con la progettazione del tratto terminale. La Regione ha già stanziato 150 mila euro del proprio bilancio per cofinanziare il completamento dell’opera. Insieme al completamento della variante alla provinciale 14, prosegue il nostro impegno per intervenire sui vari punti critici e ammodernare l’intero tratto ferroviario della Mestre-Adria». La nuova circonvallazione di Bojon è dotata di pista ciclabile, percorsi pedonali e attraversamenti in sede protetta, impianto di illuminazione e aree a verde.

946-2020 circonvallazione Bojon - pista ciclabile-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infrastrutture Venete

Nel dettaglio la società Infrastrutture Venete S.r.l. ha consegnato alla Città Metropolitana di Venezia: il nuovo tratto della variante alla S.P. n. 14 posto tra la compresa intersezione a rotatoria ubicata al Km 10+230ca della S.P. n. 13 “Antico Alveo del Brenta”, esclusa l’isola centrale, e la compresa intersezione a rotatoria con la strada comunale Via Rovine, esclusa l’isola centrale, per un’estesa totale di 1550 m. circa; l’impianto di illuminazione a servizio della rotatoria ubicata al Km 10+230ca della S.P. n. 13 “Antico Alveo del Brenta”; i relativi bracci stradali della rotatoria ubicata sulla S.P. n. 13 “Antico Alveo del Brenta”; la rotatoria di via Villa, corrispondente al km 4+200 della S.P. n. 14 “Liettoli – Lova” e al Comune di Campolongo Maggiore: gli impianti di illuminazione pubblica e di sollevamento delle acque meteoriche del sottopasso ferroviario, compreso il gruppo elettrogeno; i marciapiedi/piste ciclabili, le opere a verde e l’arredo urbano nel nuovo tratto compreso tra la S.P. n. 13 “antico Alveo del Brenta” e Via Rovine; le isole centrali delle rotatorie poste rispettivamente all’intersezione tra il Km 10+230ca della S.P. n. 13 “antico Alveo del Brenta” e la nuova variante alla S.P. n. 14 “Liettoli – Lova”, e tra la nuova variante alla S.P. n. 14 “Liettoli – Lova” e la strada comunale Via Rovine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • Violento schianto contro il palo della luce: guidatrice trasportata in ospedale

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento