Attualità

Ospedale di Monselice, Arpav termina le analisi di in vista della riapertura per il Covid

L'Agenzia regionale per la protezione ambientale del Veneto ha portato a termine i sopralluoghi tecnici in quattro strutture dismesse tra le province di Padova, Verona e Treviso

L'ex ospedale di Monselice

Un nuovo decisivo passo verso la riapertura dell'ospedale vecchio di Monselice in supporto all'emergenza sanitaria è stata compiuta il 31 marzo da Arpav.

Le verifiche

L'agenzia regionale ha portato a termine le operazioni di controllo nella struttura di via Marconi volte a garantirne la sicurezza per poterla riaprire e utilizzare per il trattamento di pazienti nel pieno dell'allarme Coronavirus. La possibilità di riaprire il nosocomio dismesso era stata sollevata poche settimane fa suscitando clamore sia fra i sindaci della Bassa Padovana che nello stesso comune della Rocca. I tecnici Arpav, su mandato della Protezione Ccivile e del Servizio sanitario della Regione, nei giorni scorsi hanno concluso i controlli sugli impianti elettrici e i sistemi di movimentazione degli ascensori e dei montalettighe. A Monselice poi sono anche stati realizzati campionamenti dell'aria e verifiche sull'impianto di areazione per rilevare l'eventuale presenza di polveri sottili e sostanze organiche. Quello padovano non è l'unico ex ospedale a essere stato sottoposto a sopralluogo: ad esso si aggiungono infatti quelli di Valdobbiadene (Treviso), Zevio e Isola della Scala (entrambi nel Veronese).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Monselice, Arpav termina le analisi di in vista della riapertura per il Covid

PadovaOggi è in caricamento