menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ulss 6 Euganea, in arrivo 143 nuove assunzioni

Autorizzate dalla Commissione regionale per gli investimenti tecnologici e in edilizia: si tratta di 73 infermieri, 43 operatori socio-sanitari a tempo indeterminato più 9 stabilizzazioni, 3 fisioterapisti, 6 tecnici di radiologia e 4 ostetriche

La Commissione regionale per gli investimenti tecnologici e in edilizia (Crite) ha autorizzato l’Ulss 6 Euganea a procedere a 143 assunzioni per il personale del comparto.

Le assunzioni

Le autorizzazioni sono il 100%, ovvero coprono l’intero monte di personale richiesto dall’Azienda Ulss 6. Nello specifico si tratta, solo per citare le categorie più rappresentative, di 73 infermieri (57 a tempo indeterminato di cui 23 extra-turn over a potenziamento soprattutto delle aree mediche e dell’assistenza domiciliare + 16 a tempo determinato); 43 operatori socio-sanitari (oss) a tempo indeterminato (di cui 21 extra-turn over) + 9 stabilizzazioni; 3 fisioterapisti, 6 tecnici di radiologia e 4 ostetriche. Come si legge nel comunicato, "L’Ulss 6 Euganea smentisce pertanto, dati alla mano, le cifre allarmistiche diramate dalla Cisl Fp di Padova (“Mancano oltre 200 professionisti”), ricordando che gli operatori del comparto sono circa 6mila e il tasso di sostituzione nel tempo è più che fisiologico, anzi inferiore alla media. Stanti queste premesse si escludono problematiche in riferimento al Piano ferie 2019. L’Azienda ha pertanto sempre effettuato le assunzioni necessarie per garantire il funzionamento dei servizi: in particolare sono state richieste e ottenute le autorizzazioni per il turn-over del personale del ruolo tecnico e sanitario del comparto con un potenziamento delle attività mediante assunzioni extra-turn over. Per quanto riguarda l’Area Medica sono stati autorizzati 9 infermieri extra-turn over e 21 OSS, e questo determina di fatto un aumento dei minuti di assistenza. Circa i servizi di Pronto soccorso a livello di Ulss 6 Euganea, la dotazione risulta in linea con gli standard di riferimento regionali inoltre si sta valutando di introdurre un nuovo modello di triage avanzato, come da direttive regionali, cosa che comporterà un miglioramento dei tempi di attesa. Il Servizio di Assistenza domiciliare integrata (Adi) è stato puntualmente avviato sulla base della programmazione aziendale grazie anche all’esternalizzazione dei prelievi a domicilio, che ha consentito un significativo reimpiego del personale dedicato. Inoltre il servizio sarà potenziato grazie all’assunzione di ulteriori 13 unità di infermieri, già autorizzate dalla Crite. In materia di squadre di sicurezza non si registra alcun problema di funzionamento, anzi si sottolinea il loro potenziamento con l’avvio, dal primo aprile, di una nuova squadra di sicurezza per il Centro socio-sanitario Ai Colli e di una ulteriore per l’Ospedale di Conselve".

Parte tecnico-amministrativa

Prosegue il comunicato: "Per quanto concerne la parte tecnico-amministrativa si evidenzia come l’Azienda abbia già provveduto ad una profonda riorganizzazione: sono state infatti attivate le nuove unità operative complesse e semplici in staff con una concentrazione gestionale dei servizi in fase di avanzata realizzazione. E’ in corso la riorganizzazione di tutti gli incarichi di funzione (ex posizioni organizzative) del comparto e sono in fase di chiusura due accordi fondamentali in tema di part time e mobilità volontaria che daranno forte impulso alla riorganizzazione non solo della parte tecnico amministrativa, ma anche sanitaria. Il turn-over del personale amministrativo è stato garantito nella misura del 48%, la rimanente percentuale viene coperta mediante assunzione di personale appartenente alle categorie protette e assunzioni a seguito delle recenti autorizzazioni Crite. Per quanto concerne l’omogeneizzazione delle procedure informatiche si sottolinea che l’Azienda ha posto in essere tutte le azioni necessari e per l’introduzione di sistemi informatici unici, che in una realtà caratterizzata dalla complessità e dalle dimensioni dell’Ulss 6 Euganea comporta necessariamente una fase transitoria legata alla necessità di formazione, affiancamento, messa a regime dei sistemi da parte degli utilizzatori in fase di realizzazione. Sono stati attivati e sono in fase di ulteriore realizzazione interventi di potenziamento dei server che consentiranno di ottimizzare l’uso degli applicativi. Tutti questi temi sono stati ampiamente affrontati con le Organizzazioni sindacali, peraltro pienamente a conoscenza delle assunzioni autorizzate dalla Crite in un percorso continuo di dialogo e costante condivisione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento