menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bando periferie, Ascom Padova tuona: “Le promesse vanno mantenute, serve una soluzione rapida”

Il presidente Patrizio Bertin si scaglia contro la decisione di bloccare i 18 milioni di euro di finanziamenti già promessi alla città del Santo: “I progetti di rilancio non possono essere disattesi”

“I soldi previsti dal 'bando periferie' vanno confermati perché i progetti di rilancio non possono essere disattesi”. Il tema relativo ai 18 milioni di euro di finanziamenti già promessi al comune di Padova ma bloccati causa Decreto Milleproroghe è a dir poco rovente. E anche Patrizio Bertin è pronto all'alzata di scudi.

“Bisogna trovare una soluzione”

Il presidente di Ascom Confcommercio Padova non ha dubbi: “Va senz’altro trovata una soluzione, e considerato che in Parlamento hanno praticamente votato tutti a favore dello 'stop' non dovrebbe essere difficile riconoscere il 'mea culpa' e fare un passo indietro. E noi ci stiamo già muovendo perché questo avvenga. I vecchi sensali – continua Bertin – definivano i propri affari con una stretta di mano e quel gesto valeva come e anche più di un atto firmato di fronte ad un notaio. Purtroppo adesso, e non solo il politica, atti che sembrano scritti sulla pietra finiscono per essere declassati a scritti sulla sabbia del bagnasciuga e basta una piccola onda per cancellare promesse che, avendo in precedenza generato aspettative, ora finiscono per fiaccare anche le migliori buone volontà”.

“Il Paese ha bisogno di certezze”

Mura, parco Boschetti, videosorveglianza, piste ciclabili: l’idea di una Padova in grado di valorizzare le proprie bellezze in un contesto di miglioramento della qualità della vita avevano trovato l’apprezzamento anche dell’Ascom. Tanto che Bertin conclude: “Voglio credere che l''infortunio' possa essere risolto con il concorso di tutti perché è di tutti l’interesse a trovare una soluzione, ma non posso non registrare come gli 'stop & go' stiano caratterizzando la fase politica di questo Paese che ha invece bisogno di certezze e più che mai ne hanno bisogno gli imprenditori che per investire hanno la necessità di poter programmare. E quale programmazione possono fare gli imprenditori del commercio e del turismo che sono legati a doppio filo al luogo dove operano, se anche ciò che sembra assodato viene messo costantemente in discussione?”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento