Sei chef di fama internazionale uniti per Padova: nuovo successo per “Il Gusto per la Ricerca”

Grazie a un evento tenutosi alla Diesel Farm sono stati raccolti quasi 100mila euro suddivisi tra Patologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda Ospedaliera di Padova, Hospice Pediatrico di Padova e Piccolo Principe Onlus

Gli chef ("capitanati" da Max Alajmo) all'opera nell'ultima edizione de "Il Gusto per la Ricerca"

Tutto ha avuto inizio nel 2004 da Padova, precisamente da “La Montecchia”, ristorante dell'omonimo golf club di Selvazzano Dentro. Merito di Massimiliano Alajmo, chef de “Le Calandre”, che nel corso di tre lustri ha raccolto i più grandi colleghi italiani girando lo Stivale e toccando location celebri e suggestive (come Palazzo della Ragione a Padova) con un unico scopo: fare del bene. Tanto da raccogliere 2 milioni di euro, interamente devoluti in beneficenza a favore della ricerca scientifica e a opere di sussistenza destinate all'infanzia. Come in questo caso: la sedicesima edizione de “Il Gusto per la Ricerca” (svoltasi il 29 settembre alla Diesel Farm di Marostica, in provincia di Vicenza) ha visto raccogliere la somma complessiva di 98.720,01 euro che è stata equamente suddivisa tra i tre beneficiari, ovvero Patologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda Ospedaliera di Padova, Hospice Pediatrico di Padova e Piccolo Principe Onlus, a cui sono stati rispettivamente donati 32.906,67 euro.

I progetti

La Patologia e Terapia intensiva neonatale dell’Azienda Ospedaliera di Padova sosterrà il progetto di ricerca sull’utilizzo delle cellule staminali e delle vescicole extracellulari per la prevenzione della Displasia Broncopolmonare. L’Hospice Pediatrico dell’Azienda Ospedaliera di Padova, incrementerà lo sviluppo di momenti di divagazione e le misure di alleviamento delle sofferenze dei piccoli pazienti, nonché il sostegno psicologico ai familiari. Il Piccolo Principe proseguirà con il progetto pilota la “Casa Sull’Albero” che nasce dalla necessità di contrastare il fenomeno in crescita del fallimento di percorsi di affido e adozione, con l’obiettivo primario di fornire sostegno psicopedagogico ai bambini e alla genitorialità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ringraziamenti

Il comitato de “Il Gusto per la Ricerca” ha voluto ringraziare pubblicamente “tutti coloro che hanno preso parte a questo evento e che con passione, generosità, spirito di solidarietà e lungimiranza hanno reso possibile il sostegno di queste importanti iniziative. Un grazie particolare va a OTB Foundation che ha affiancato Il Gusto per la Ricerca permettendo di ampliare ulteriormente il raggio d’azione verso altre realtà bisognose di sostegno. Grazie a Diesel Farm per aver messo a disposizione la splendida location e aver supportato nella logistica. Grazie a tutti gli chef Massimiliano Alajmo (Le Calandre), Riccardo Camanini (Lido 84), Enrico Crippa (Piazza Duomo), Silvio Giavedoni (Quadri), Niko Romito (Reale), Emanuele Scarello (Agli Amici) che hanno realizzato il menù, donando la loro arte e professionalità. Grazie a Andrea e Mauro Lorenzon (La Mascareta e CoVino, Venezia) per le loro ostriche all’aperitivo. Grazie invece a Gianluca Fusto per i cioccolatini al dessert. Grazie a tutti gli sponsor che hanno donato con generosità i loro prodotti per l’asta: Acetaia Malpighi, Ayala Champagne, Anselmi, Balan, Bellavista, Bertani, Ca’ del Bosco, Capovilla, Caseificio Gennari, Castello di Spessa, Ceretto, Dall’Ava, Dom Perignon, Emidio Pepe, Felluga, Gravner, Il Poggione, Joselito Livon, Luigi Maculan, Maserati, Maurizio Galimberti, Meregalli wines, Pomata, Palladio Museum, RISO, Roagna, San Leonardo, Steinbrück, Velier, I.R Vicenza., Vino & design, Zolla 14. E a quelli che hanno messo a disposizione alcune delle materie prime per il pranzo: Cru Caviar, Fratelli Rizzieri, Longino & Cardenal, Petrossian, Sardamar, Valverde. Grazie a tutte le persone che hanno collaborato all’organizzazione, alla logistica, alla comunicazione e all’intrattenimento: Bonotto hotels, Cucine Zorzi, Favin A. & figli ghiaccio, Federico Soldati, Grafiche Quattro, Guglielmo Alati, Helvetika, Human Touch Music, Presto e Bene lavanderia industriale, Reggia noleggi, Riccardo Sirone, Your Event Venice. Grazie infine a tutti voi che avete reso possibile la riuscita di questa importante iniziativa, che credete nel cambiamento e che avete contribuito per renderlo concreto e tangibile. Vi aspettiamo alla prossima edizione!”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento