Attualità

Visite, prestazioni e operazioni in continua crescita: numeri da record per lo Iov nel 2022

I numeri parlano chiaro, a partire da quelli sui pazienti visitati: sono stati ben 75.710 (escluse le attività ambulatoriali), in aumento del 2% rispetto al 2021 ma del 24% rispetto al 2019, che viene preso in considerazione in quanto ultimo anno pre-Covid

Un 2022 da record: lo è stato per lo Iov - Istituto Oncologico Veneto, che ha presentato oggi, venerdì 3 febbraio, il bilancio dell'attività relativo allo scorso anno.

Prestazioni

I numeri parlano chiaro, a partire da quelli sui pazienti visitati: sono stati ben 75.710 (escluse le attività ambulatoriali), in aumento del 2% rispetto al 2021 ma del 24% rispetto al 2019, che viene preso in considerazione in quanto ultimo anno pre-Covid. Di questi il 54% arriva dai distretti limitrofi alle due sedi di Padova e Castelfranco Veneto (Treviso), il 40% dal resto della Regione e il 6% - vale a dire poco più di 4.500 pazienti - da fuori Regione. Crescono di conseguenza anche le prestazioni ambulatoriali erogate, che hanno raggiunto quota 464.431. I pazienti trattati sono stati invece 8.133 (di cui 6.346 con chemioterapia orale o infusiva) contro i 7.607 del 2021, per un totale di 95.789 prestazioni comprensive anche di radioterapia: l'aumento è del 9% rispetto al 2021. 

Ricoveri

Ancor più significativo, se possibile, il dato sui ricoveri: nel 2022 sono stati 8.272, dei quali l'8,9% di pazienti provenienti da fuori Regione (in aumento questi ultimi del 17,8% rispetto al 2021 e del 51,2% rispetto al 2018) e lo 0,7% addirittura dall'estero. Rispetto ai 7.575 ricoveri del 2021, dunque, l'incremento totale è stato del 9% rispetto al 2021 e del 21% rispetto al 2019.

Interventi

Inevitabilmente sale anche il numero degli interventi: in totale ne sono stati effettuati 6.177 contro i 5.487 del 2021 (+13%) e i 4.275 del 2019 (+30%). Tra questi se ne contano 459 compiuti con l'ausilio della chirurgia robotica, il 51% in più rispetto ai 304 del 2021.

Investimenti

Nel 2022, inoltre, lo Iov ha effettuato o pianificato investimenti per 55 milioni di euro. Dieci i milioni già spesi, di cui uno per interventi edilizi - tra cui il completamento del terzo bunker della Radioterapia di Schiavonia e la riqualificazione del terzo bunker della Radioterapia di Padova - e nove per macchinari di ultimissima generazione, come gli acceleratori TrueBeam ed Ethos e la Tac 64 strati ad alta definizione. Ammontano invece a 45 i milioni di investimenti pianificati lo scorso anno ma con avvio a partire dall'attuale: 22 milioni saranno destinati alla parte edilizia, 22,8 milioni alla parte tecnologica e i restanti 280mila euro per investimenti strutturali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visite, prestazioni e operazioni in continua crescita: numeri da record per lo Iov nel 2022
PadovaOggi è in caricamento