Stop ai costi sulle tariffe cimiteriali: a Borgo Veneto il servizio diventa gratuito

Il costo del mantenimento delle lampade votive nei cimiteri del comune si azzera. L'iniziativa rientra nel programma di abbattimento dei costi voluto dall'amministrazione comunale

L'amministrazione comunale di Borgo Veneto ha approvato l'azzeramento, a partire dall'anno 2019, delle tariffe comunali per il servizio delle lampade votive cimiteriali.

L'iniziativa

Nei tre comuni di Saletto, Santa Margherita d'Adige e Megliadino San Fidenzio (poi confluiti nel comune di Borgo Veneto) i familiari dei defunti pagavano una cifra tra sette e dieci euro annui mentre ora il costo sarà pari a zero. Il sindaco Michele Sigolotto spiega la scelta: «Questo semplice intervento è un segnale importante che l'amministrazione comunale vuole dare su un tema delicato e sensibile per la popolazione, un'operazione in controtendenza rispetto ad altre realtà che sono costrette ad aumentare le tariffe per far fronte al mantenimento dei servizi. Borgo Veneto, grazie ai contributi statali per le fusioni dei comuni e all'impegno degli amministratori, ha la possibilità di erogare servizi di qualità a un basso costo, se non gratuitamente come in questo caso». Un abbattimento delle spese destinato a preseguire, come conclude il primo cittadino: «Dopo l'abbassamento dei costi dei servizi scolastici di inizio anno, questo nuovo atto anticipa un taglio generale dell'imposizione fiscale comunale, che stiamo predisponendo per il prossimo periodo».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento