menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una borsa di studi annuale del Rotary vinta da una giovane ricercatrice padovana

Da sempre interessata alle tematiche dei diritti umani, si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Padova dove a breve conseguirà anche il titolo di Dottore di ricerca

Una borsa di studio post-laurea in materia di diritti umani presso l’Università Alfonso X el Sabio di Madrid, per un corso annuale realizzato in collaborazione con lo Human Rights Centre of the United Nations mandated University for Peace (UPEACE) comprensivo di vitto, alloggio e spese correnti. Ad usufruirne sarà la ricercatrice padovana Alessia Schiavon, che grazie al Rotary Club Treviso riceverà dalla Fondazione Rotary 31.500 dollari a copertura di tutte le spese di questo suo percorso specialistico, oltre ad una donazione del club trevigiano così come richiesto dal regolamento delle borse di studio della Fondazione.

La borsa di studio

“La Borsa di studio post-laurea messa a disposizione della Fondazione Rotary è un riconoscimento importante non solo per Alessia Schiavon, ma anche per il Rotary Club Treviso, poiché l’assegnazione non è semplice da ottenere: per esempio nel nostro Distretto 2060, che raggruppa gli 88 Rotary Club del Triveneto, solo un paio ogni anno riescono in questo intento”. A spiegarlo è Marina Grasso, presidente del Rotary Club Treviso per l’annata 2018-2019, che aggiunge: “Anche per questo siamo particolarmente orgogliosi di aver supportato e assistito Alessia nell’ottenimento di questa borsa di studio, obiettivo realizzato soprattutto grazie all’impegno del nostro socio Diego Pavan, incoraggiato dal past president Paolo Bornello, e alla collaborazione degli amici spagnoli del Distretto Rotary 2201”. È stato l’imprenditore trevigiano Diego Pavan, infatti, a individuare in Alessia Schiavon la candidata ideale per ottenere la borsa di studio secondo i parametri richiesti: doti eccellenti, successi accademici, obiettivi concreti, capacità di leadership, conoscenza delle lingue e, non da ultimo la totale “lontananza” dei candidati dal Rotary, poiché per evitare ogni interferenza nell’assegnazione la Rotary Foundation non solo esclude i rotariani e i loro discendenti, ma anche i loro parenti più o meno prossimi.

Diritti umani

Alessia Schiavon, da sempre interessata alle tematiche dei diritti umani, si è laureata in Giurisprudenza presso l’Università di Padova, dove a breve conseguirà anche il titolo di Dottore di ricerca. Durante gli studi universitari ha completato una specializzazione triennale in criminologia ed ha iniziato una serie di esperienze di studio e lavoro in Italia e all’estero (New York, Londra, Salisburgo, Rotterdam, L’Aja, Ghent, Strasburgo) che negli anni l’hanno portata a collaborare con diverse realtà nazionali e internazionali, tra cui da ultimo il Consiglio d’Europa. “Essere stata selezionata da Rotary Foundation - afferma - è per me un grande onore ed un’immensa gioia. Si tratta di un’opportunità straordinaria che mi permetterà di aggiungere un tassello fondamentale alla mia formazione, un’esperienza unica di arricchimento personale e professionale che diversamente non avrei potuto realizzare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento