rotate-mobile
Attualità

Passaggio di testimone al premio Geremia, la giuria tecnica in mano a Galtarossa

A Dino Ponchio, che per sette edizioni ha retto le sorti di una giuria chiamata a valutare i libri in concorso, succede l’olimpionico di canottaggio già presente del “board” dei giudici fin dalla prima edizione

Cambio della guardia al vertice della giuria tecnica del Premio Letterario Sportivo “Memo Geremia” indetto dall’Ascom Confcommercio di Padova e giunto quest’anno alla sua ottava edizione. A Dino Ponchio, che per sette edizioni ha retto le sorti di una giuria chiamata a valutare i libri in concorso (nell’ultima tornata sono stati oltre 60 i titoli a dimostrazione di una crescita esponenziale del premio), succede Rossano Galtarossa, l’olimpionico di canottaggio già presente del “board” dei giudici fin dalla prima edizione e che si è detto “molto onorato, oltre che motivato, a raccogliere un testimone così importante e, al tempo stesso, così impegnativo”.

Bertin

«Al professor Ponchio – ha detto il presidente dell’Ascom Confcommercio, Patrizio Bertin – che da tempo ci aveva espresso il desiderio di passare la mano, va non solo il nostro sentito ringraziamento per avere fatto crescere il premio con una conduzione della giuria estremamente obiettiva, ma anche per averci sempre “imposto” di alzare, anno dopo anno, l’asticella di un premio che se oggi è tra i più importanti in Italia lo deve anche al suo impegno, al tempo stesso estremamente competente e altrettanto disinteressato». «Con Dino – ha aggiunto Franco Pasqualetti, vicepresidente dell’Ascom Confcommercio ed ideatore del “Memo Geremia” – abbiamo vissuto tutte le tappe di una crescita che, in buona parte, è anche suo preciso merito. L’auspicio (che è quasi una certezza) è che, anche se non più in veste di presidente, possa continuare ad offrirci il suo prezioso contributo».

Galtarossa

La nomina di Galtarossa alla guida della giuria del “Geremia” è avvenuta nel corso di uno degli incontri che già si succedono, quasi con cadenza quindicinale, in vista dei numerosi passaggi necessari per acquisire i titoli in concorso, valutarli e quindi premiarli in quella serata di gala che, per l’edizione 2022, è già stata fissata per il 20 ottobre nell’Aula Magna del Bo, location alla quale si fa ritorno, dopo la parentesi dello scorso anno in Palazzo della Ragione, nell’800° anniversario della fondazione dell’Università.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passaggio di testimone al premio Geremia, la giuria tecnica in mano a Galtarossa

PadovaOggi è in caricamento