rotate-mobile
Attualità Baone

Ciliegie, annata in ripresa dopo la batosta del 2021: «Pronti per la raccolta, ma serve un po' di pioggia»

L’anno scorso la raccolta, nella nostra provincia come in tutto il nord Italia, era stata piuttosto magra, con poco meno di 1.900 quintali di ciliegie contro i 2.700-2.800 degli anni precedenti, con una flessione di quasi il 40%

Sarà l’anno della riscossa per le ciliegie padovane: dopo la batosta del 2021, con la produzione decimata a causa delle condizioni climatiche sfavorevoli, dalle gelate alla grandine, dai parassiti agli attacchi degli animali selvatici come le gazze, quest’anno porterà ad una decisa ripresa con una maggiore disponibilità di prodotto.

Ciliegie

Si annuncia ottima la qualità per le ciliegie coltivate in pianura come nei Colli Euganei. Nel complesso si attende una produzione in media con le potenzialità produttive del nostro territorio, ricorda Coldiretti Padova, dove sono poco meno di 50 gli ettari coltivati. L’anno scorso la raccolta, nella nostra provincia come in tutto il nord Italia, era stata piuttosto magra, con poco meno di 1.900 quintali di ciliegie contro i 2700-2800 degli anni precedenti, con una flessione di quasi il 40%. Quest’anno invece è attesa una netta ripresa e il ritorno alla normalità, sperando in un po’ di pioggia nelle prossime settimane. Antonio Ferraretto coltiva ciliegie a Calaone di Baone e tra una decina di giorni inizierà la raccolta che proseguirà fin quasi alla fine di giugno. «Ci aspettiamo un prodotto di qualità - spiega l’imprenditore - le piante sono sane e le condizioni ideali per quanto riguarda la temperatura. Servirebbe un po’ di pioggia perché l’inverno è stato molto arido e le piante iniziano a manifestare segni di stress. Senza acqua potrebbero andare in sofferenza proprio nel periodo della raccolta e sarebbe un peccato viste le buone prospettive e la possibilità di recuperare il terreno dopo l’annata difficile del 2021. Resta il problema delle gazze che attaccano le piante e compromettono la resa, dai cinghiali ci difendiamo con le recinzioni invece e teniamo gli alberi alti. L’anno scorso abbiamo dovuto affrontare anche il problema dei prezzi, al di sotto della media nonostante la scarsità di prodotto, perché c’era comunque una disponibilità maggiore dalle regioni del sud Italia».

Mercato

Sarà da capire come si evolveranno i mercati poiché il rischio è che tra le produzioni del Nord e del Sud Italia, dato il clima, si verificheranno delle sovrapposizioni accentuate nel picco della raccolta. «In generale, spiega Coldiretti Padova, le prime varietà di ciliegie hanno la polpa soffice, poi arrivano anche varietà croccanti, come i duroni. Il loro colore è tipico della varietà, alcune sono mature quando sono rosse, altre assumono una colorazione più scura, tendente al nero a maturazioneSe le produzioni tutelate sono riconoscibili dall’inconfondibile logo comunitario che ne attesta l’origine, ricorda Coldiretti, tutte le ciliegie devono essere poste in vendita con un apposito cartello con indicata l’origine che occorre controllare per non cadere nell’inganno dei prodotti importati spacciati per Made in Italy. Tra i consigli va ricordato che le ciliegie non maturano dopo la raccolta e quindi devono essere acquistate già mature e pronte al consumo. Le ciliegie sono uno dei frutti più amati a tutte le età e con l’arrivo del caldo sarà corsa all’acquisto per mettersi in forma e prepararsi all’estate. Un aiuto per superare la prova costume perché hanno poche calorie e contengono vitamina C, vitamine del gruppo B e vitamina A che aiuta a donare il caratteristico colore ambrato alla pelle. Le ciliegie contengono melatonina naturale, una sostanza che favorisce il sonno e sono una fonte di antiossidanti, che aiutano l’organismo a contrastare l’invecchiamento provocato dai radicali liberi. La fibra alimentare contribuisce invece ad aumentare il senso di sazietà una volta ingerite e per questo motivo possono essere utilizzate per allontanare l’appetito da quanti hanno l’esigenza di mettersi a dieta».?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciliegie, annata in ripresa dopo la batosta del 2021: «Pronti per la raccolta, ma serve un po' di pioggia»

PadovaOggi è in caricamento