menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo, Coldiretti Padova fa la conta dei danni e segnala i comuni colpiti

Ultime ore per inoltrare le comunicazioni ad Avepa: più colpiti i frutteti, i vigneti e le colture a pieno campo. Termine ultimo le ore di venerdì 20 luglio

Coldiretti fa la conta dei danni dell’ultima ondata di maltempo, che lunedì notte ha investitola nostra provincia, e invia ad Avepa la comunicazione con l’elenco dei Comuni interessati dal passaggio della violenta perturbazione che ha sferzato le colture e le strutture agricole con vento forte e gradine.

I comuni

I Comuni colpiti sono: Piacenza d’Adige, Masi, Castelbaldo, Merlara, Sant’Urbano e Urbana nella bassa padovana, mentre a nord del capoluogo si registrano danni anche a Villanova di Camposampiero, Villa del Conte, Campo San Martino (frazione Bussiamo), San Giorgio in Bosco, San Giorgio delle Pertiche e Vigonza. Coldiretti Padova ha specificato anche i Comuni interessati dal vento forte e dalla grandinata dell’8 luglio scorso: Sant’Angelo di Piove di Sacco, Brugine, Bovolenta, Candiana, Terrassa Padovana e Arre.

Le segnalazioni

Ormai il tempo stringe per raccogliere le segnalazioni dei danni e Coldiretti Padova invita gli agricoltori interessati a comunicare tempestivamente le conseguenze del maltempo su produzioni e strutture. “Entro domani, 20 luglio, - ricorda il direttore Giovanni Roncalli - va inviata la segnalazione via mail ad Avepa, pertanto invitiamo gli imprenditori che ancora non l’avessero fatto di rivolgersi ai nostri uffici per denunciare eventuali danni. In questa occasione registriamo conseguenze più serie per frutteti e vigneti, dove l’ondata di maltempo ha colpito con maggiore intensità. E’ stato soprattutto il vento forte a provocare danni a coltivazioni e strutture agricole in zone dedicate alla coltivazione di frutta e verdura, come lungo il corso dell’Adige, ma anche alla viticoltura. Le raffiche di vento hanno abbattuto alcuni filari di vigneti, arrivando a spezzare anche i robusti pali in acciaio che sostenevano le viti. Vento forte e grandine hanno provocato danni a coltivazioni e strutture anche nell’Alta Padovana”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento