Un clamoroso "sold out" per ColtivAzioni: esaurite le cassette di piantine e fiori

Numeri da capogiro per il progetto, costretto a dare lo stop alle ordinazioni per l'esaurimento di piantine a disposizione

Da una parte l'intercettazione di un bisogno dei cittadini e dall’altra la disponibilità delle aziende Coldiretti e CIA sta portando a colorare migliaia di balconi della città. Con tanto di "sold out": stop alle ordinazioni per il progetto ColtivAzioni causa oggettivo problema di disponibilità delle piante da parte dei produttori che, come tutti, hanno comunque ridotto la loro produzione e fermato il loro lavoro in questo periodo.

Comune di Padova

Spiega Chiara Gallani, assessora al verde del Comune di Padova: «Abbiamo fatto un lavoro enorme di fronte alle migliaia di richieste, e sta portando ad un risultato straordinario: una iniezione di colore e bellezza, in ogni richiesta e in ogni consegna. Un esperimento con un successo che ha colto di sorpresa anche le associazioni di categoria: la natura ha i suoi tempi e per avere nuove piantine bisogna rispettare il loro ciclo. Mi auguro che tutti questi produttori dal 4 maggio possano tornare a vendere direttamente in sicurezza, perché per tutti è importante ora sapere di poter ripartire, se così non fosse perché di renderanno necessarie altre misure di contenimento, siamo pronti a ripetere l’esperienza quando ci sarà disponibilità di altre piante».

Cia Padova

Commenta Roberto Betto, presidente di Cia Padova: «Siamo piacevolmente stupiti per la risposta che i padovani stanno dando all’iniziativa. Le centinaia di richieste che in poche ore sono giunte al Comune dimostrano che la città desidera ripartire, anche abbellendo balconi e giardini con piante e fiori. Un segno di rinascita in un momento oggettivamente complesso per tutti. Anche per i florovivaisti, che hanno dovuto tenere chiusi i battenti (salvo la distribuzione “porta a porta”). Il sistema della consegna a domicilio delle cassette ha permesso di recuperare almeno in parte la produzione delle eccellenze. L’alternativa sarebbe stata buttare buona parte dei prodotti al macero. Questa sarebbe stata una sconfitta per l’intero comparto. Ringraziamo la cittadinanza e il Comune per la fiducia che ci è stata accordata; si tratta di un incentivo per lavorare con ancora più entusiasmo e dedizione. Il progetto consente di radicare maggiormente il rapporto tra cittadini e aziende agricole del territorio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coldiretti Padova

Aggiunge Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova: «I padovani hanno risposto con entusiasmo e colto l’opportunità di portare la primavera sui balconi di casa, di vincere l’isolamento con profumi e colori. Grazie all’impegno e alla competenza dei nostri imprenditori florovivaistici. Abbiamo un patrimonio verde, fatto di piante e fiori di ogni genere, in grado di cambiare il volto della città anche in questo periodo di difficile e, allo stesso tempo, di generare azioni positive che permettono di dare il nostro contributo a chi si trova in stato di necessità. In questi due mesi ’agricoltura non si è mai fermata e le nostre aziende florovivaistiche, nonostante le chiusure e le restrizioni che hanno penalizzato l’intero settore, non hanno mai smesso di coltivare piante e fiori bellissimi che i padovani hanno dimostrato di apprezzare. Ringraziamo il Comune di Padova, l’assessora Chiara Gallani e tutti i partner dell’iniziativa per questa opportunità preziosa. Noi siamo pronti a continuare a fare la nostra parte».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento