menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comitato No Tram: Dibattito pubblico trasversale conferma la ragionevole insicurezza all'adozione della rotaia

Durante la serata hanno relazionato anche i portavoce del Comitato Via Azzoni e il Comitato Parco Faggi, per le argomentazioni di loro competenza

Mercoledì il Comitato No Rotaie di Voltabarozzo ha incontrato i cittadini padovani, circa cento persone, per un dibattito aperto al fine di illustrare lo stato attuale del progetto e percorso del tram SIR3. Durante la serata hanno relazionato anche i portavoce del Comitato Via Azzoni e il Comitato Parco Faggi, per le argomentazioni di loro competenza, con la moderazione dell’Avv. Roberto Moneta consigliere del Comune di Padova..

Impatto

«Il Comitato No Rotaie di Voltabarozzo ha fatto ciò che Lorenzoni ad oggi molto proclama ma di cui non si ha materiale traccia: abbiamo coinvolto i cittadini padovani per consentire una ampia partecipazione, illustrando il progetto SIR3 lorenzoniano - dichiara Liliana Gori, portavoce del Comitato No Rotaie – per poi dare le nostre considerazioni di impatto e sul discutibile ipotetico percorso. Molti cittadini e trasversali esponenti politici sono intervenuti e da essi abbiamo tratto maggiore convinzione della nostra genuina convinzione e preoccupazione per l’impiego d’un mezzo obsoleto che porterà cementificazione e sconvolgimento economicamente negativo e minore sicurezza del trasporto pubblico. Sono stati affrontati, con dati certi e progetto alla mano, i prevedibili problemi d’impatto ambientale, di inquinamento, di cementificazione eccessiva, di obsolescenza del mezzo su rotaia e – prosegue Liliana Gori – con piacere abbiamo preso coscienza che, trasversalmente, nei casi esposti dal Comitato No Rotaie c’è stata una quasi unanime condivisione e preoccupazione per il futuro trasportistico e commerciale di Voltabarozzo valutando come alternativa il trasporto elettrico o filobus da noi sempre proposti. Erano presenti anche cittadini e commercianti di Ponte di Brenta (prossimi interessati linea SIR2), di Roncaglia, Ponte S. Nicolò, Legnaro, poiché a loro volta potrebbero essere penalizzati dal serpentone blu».

L'incontro

«L’incontro si è prolungato fino alle 23 e 30 e stiamo valutando la possibilità di altra futura data, sollecitata dai cittadini che per questioni di orario non hanno avuto la possibilità di intervenire, poiché la nostra iniziativa sembra essere l’unico momento partecipativo. Apriamo le porte a tutti – aggiunge Liliana Gori - per avere un contributo dal pubblico e rispondere con elementi certi in nostro possesso. Non abbiamo bisogno di facilitatori, non scremiamo il pubblico distinguendo l’ appartenenza politica. Abbiamo a cuore Padova e Voltabarozzo, siamo cittadini liberi che non reclamano poltrone». «Ringraziamo i consiglieri comunali di maggioranza intervenuti, da Coalizione Civica al Partito Democratico, il consigliere comunale Giacomo Cusumano, Paolo Rossi ex presidente APS Holding Spa, la Consigliera provinciale Elisa Venturini per essersi messi a disposizione in futuro per contributi in materia di trasporto pubblico e coloro che hanno contribuire alla riuscita del dibattito. Questa – conclude Liliana Gori - è la partecipazione trasversale, trasparente e attiva che auspichiamo sia fatta in futuro anche dall’amministrazione comunale».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento