rotate-mobile
Attualità

Inchiesta Euganeo, il Comune pronto a chiedere i danni alla Esteel

Ingaggiato l'avvocato Arnau per portare avanti le procedura, tra cui anche la richiesta di dissequestro

Il Comune alza la posta. Nell'ultima giunta comunale ha incaricato il presidente dell'ordine degli avvocati Leonardo Arnau di studiare gli atti per poter chiedere il dissequestro al pm Roberti e di valutare un'eventuale richiesta di risarcimento danni nei confronti della ditta Esteel, che stava lavorando alla nuova curva sud.

La nota

Nel pomeriggio di oggi 5 dicembre è arrivata una nota da Palazzo Moroni che spiega la situazione: «Come è noto, lo scorso 8 novembre, è stata notificata al Comune di Padova, Ente proprietario dell’impianto sportivo Stadio Euganeo di Padova, su cui insiste il cantiere per l’esecuzione delle opere pubbliche, un'ordinanza di applicazione della misura cautelare reale del sequestro preventivo, emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Padova - si legge - .Avuta conoscenza delle contestazioni mosse alle persone sottoposte alle indagini, con applicazione della misura cautelare interdittiva della sospensione dall'esercizio di un pubblico ufficio, oltre che quella del divieto temporaneo di contrattare con la Pubblica Amministrazione, ai titolari delle imprese coinvolte, il Comune di Padova ha inteso immediatamente attivare la clausola risolutiva espressa».

Danni

«Coerentemente con la determinazione prontamente assunta, di immediata risoluzione del contratto di appalto in essere con la società Esteel S.r.l. che, come noto, opera di diritto, il Comune di Padova intende procedere nei confronti dell’anzidetta società, anche valutando la promozione di azione di risarcimento del danno patito a cagione delle condotte contestate al legale rappresentante di Esteel S.r.l., oltre ad ogni altra iniziativa utile a tutelarne gli interessi di natura pubblica - rivela  - .In questo quadro, attesa la previsione degli articoli 2 e 3 del Regolamento dell’avvocatura civica, l’amministrazione ha avvertito la necessità e l’opportunità di nominare un legale di comprovata esperienza nel settore penale, esterno all’Amministrazione stessa, al fine di supportarla e tutelare gli interessi del Comune, quale proprietario del bene sottoposto a sequestro nell’ambito del procedimento penale suddetto, anche ai fini della futura richiesta di dissequestro del cantiere sottoposto a sequestro, per evidenti ragioni di ordine pubblicistico, quale quella alla conclusione dei lavori del cantiere, offrendo piena e totale collaborazione con l’Autorità giudiziaria procedente».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Euganeo, il Comune pronto a chiedere i danni alla Esteel

PadovaOggi è in caricamento